spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Festa del Luca di San Gusmè spegne cinquanta candeline. Al via l’edizione 2022

    La manifestazione animerà il borgo castelnovino dal 7 all'11 settembre: ecco tutto il programma completo

    SAN GUSME’ (CASTELNUOVO BERARDENGA) – La Festa del Luca celebra i suoi primi 50 anni con una nuova edizione in programma da mercoledì 7 a domenica 11 settembre nel borgo di San Gusmè.

    La manifestazione, che torna dopo due anni organizzata in versione ridotta a causa della pandemia, è nata nel 1972 in omaggio alla statuetta di Luca Cava realizzata a fine Ottocento, andata perduta negli anni ’40 e ricostruita mezzo secolo fa su disegno di Emilio Giannelli, noto vignettista senese del Corriere della Sera, dal maestro Marcello Neri delle Ceramiche Santa Caterina di Siena.

    L’edizione 2022 si aprirà, come da tradizione, con il convegno sulla sostenibilità ambientale in piazza Castelli e proseguirà con quattro giorni fra tradizioni, musica, spettacolo e sapori del territorio.

    Il filo conduttore della Festa del Luca sarà, ancora una volta, la valorizzazione di San Gusmè e del patrimonio sociale, storico ed enogastronomico di un borgo che sta ripartendo dopo la pandemia grazie al coinvolgimento dell’imprenditoria privata, della Pro Loco e di tutta la comunità.

    “Riconversione ecologica e transizione energetica – L’innovazione del fare” è il titolo del convegno in programma mercoledì 7 settembre alle ore 15.30 in piazza Castelli, dove rappresentanti istituzionali, docenti universitari, esperti e professionisti del settore si confronteranno sul tema della sostenibilità ambientale e della crisi energetica.

    Le conclusioni saranno affidate all’assessore della Regione Toscana con delega all’urbanistica e alla pianificazione e valorizzazione del paesaggio.

    La serata continuerà alle ore 20.30 con la “Cena spettacolo nella Terrazza del Chianti”, allestita sul Belvedere di San Gusmè, da cui sarà possibile ammirare uno dei panorami più belli del Chianti e gustare sapori del territorio accompagnati dai Vini Chianti Classico prodotti dalle aziende vitivinicole locali e dalla musica del trio Jazz and More (info e prenotazioni al numero 3459308292 oppure prosangusme@gmail.com).

    La Festa del Luca tornerà venerdì 9 settembre con “White Sensation – Notte delle note in bianco”, serata disco con abbigliamento bianco in programma alle ore 22.30 presso gli impianti sportivi, e continuerà nel weekend con due giornate ricche di eventi.

    Sabato 10 settembre si rinnova l’appuntamento con il Palio delle Botti nel Chianti, giunto alla 16esima edizione, con la partecipazione di squadre in arrivo da tutta Italia e, per la prima volta, con una competizione femminile.

    Dopo la presentazione dei team partecipanti, fissata per le ore 17, la manifestazione entrerà nel vivo con le prove di qualificazione femminile e maschile, dalle ore 17.30, e le successive finali, dalle ore 18.

    Il 16esimo Palio delle Botti nel Chianti si chiuderà alle ore 19.30 con le premiazioni. A partire dalla stessa ora saranno aperti gli stand gastronomici, in attesa di assistere, alle ore 21 in piazza Castelli, a “Isotta in Concerto – Romantic Tour 2022”, che vedrà protagonista Isotta Carapelli, cantautrice di origini castelnovine vincitrice del premio “Bianca D’Aponte 2021” e del premio della critica “Musicultura 2022”.

    La giornata finale della Festa del Luca, domenica 11 settembre, unirà escursionismo, arte, degustazione di vini e sapori del territorio e uno spettacolo di cabaret in compagnia di Gianni Giannini, nato artisticamente proprio alla manifestazione di San Gusmè.

    Alle ore 9 gli appassionati di trekking potranno partecipare a “Camminando nella storia”, percorso di circa 11 km proposto in collaborazione con il GEB, Gruppo Escursionisti Berardenga con ritrovo sotto le mura di San Gusmè (info e prenotazioni al numero 3459308292 oppure prosangusme@gmail.com).

    Dalle ore 12 sarà possibile pranzare presso gli stand gastronomici, mentre alle ore 14.30 sarà aperta “Artisti in borgo”, esposizione delle opere del concorso estemporaneo di pittura sul tema “San Gusmè…dal borgo al paesaggio circostante”, con possibilità di votare l’opera preferita e di assistere alla premiazione, fissata alle ore 18.30.

    Dalle ore 17, inoltre, ci sarà spazio anche per “L’arte di degustare”, con degustazioni di vini delle aziende del Consorzio Chianti Classico e di prodotti tipici del territorio, oltre a musica dal vivo, giochi e iniziative per i più piccoli in compagnia di Stefy’s Animation.

    A salutare i 50 anni della Festa del Luca sarà la comicità di Gianni Giannini con il suo spettacolo “Si ri-ride” accompagnato dalla musica dal vivo del gruppo ConPatty.

    La leggenda di Luca Cava

    Secondo la leggenda da cui prende il nome la festa, nel 1888 Giovanni Bonechi, un contadino del posto, mise nel proprio orto una statua in pietra da lui scolpita, per invogliare i passanti a fare i propri bisogni fisiologici nel suo terreno e riutilizzare il refluo come fertilizzante e rendere più pulito il paese, indicando un unico luogo dove espletare le “funzioni corporali” in un’epoca in cui non esistevano né i bagni pubblici né quelli all’interno delle abitazioni.

    Negli anni ’40 alcuni abitanti della frazione, stanchi di essere presi in giro per la statua, decisero di disfarsene.

    La storia venne scoperta negli anni ’70 da Silvio Gigli, che se ne innamorò per la sua ironia e propose, nel 1972, la realizzazione di una nuova statua chiamata Luca Cava.

    Da allora la manifestazione è cresciuta negli anni e ha visto la presenza di personaggi di livello nazionale in arrivo dal mondo della televisione, dello spettacolo e della musica, quali Francesco Baccini, Pippo Baudo, Fabrizio Frizzi, Fausto Leali, Giancarlo Magalli e Paola Perego.

    Ogni anno la Festa del Luca è organizzata dalla Pro Loco di San Gusmè con patrocinio del Comune di Castelnuovo Berardenga.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...