spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Per la Festa della mamma riparte “Move Off” al Teatro Alfieri di Castelnuovo Berardenga 

    A maggio l'edizione 2022 della Rassegna Internazionale di Danza Contemporanea, organizzata da MOTUS in collaborazione con il Comune castelnovino

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Dall’8 al 31 maggio si svolgerà la Rassegna di Danza Contemporanea “Move Off”, diretta dalla Compagnia MOTUS, e organizzata in collaborazione con l’amministrazione Comunale di Castelnuovo Berardenga e con il contributo di ChiantiBanca, torna sul palco del Teatro Comunale Vittorio Alfieri di Castelnuovo Berardenga.

    Il programma si apre domenica 8 maggio alle ore 18 con lo spettacolo “Il brutto anatroccolo” della Compagnia Atacama con coreografie Patrizia Cavola e Ivan Truol.

    Un evento speciale pomeridiano per grandi e piccini che propone un modo nuovo di festeggiare la “Festa della mamma” offrendo un ingresso ridotto a 5 euro ai bambini e alle loro mamme con l’iniziativa “Festeggia la mamma a teatro”.

    Lo spettacolo è ispirato alla fiaba danese di Hans Christian Andersen “Il Brutto Anatroccolo”, che ci aiuta a porre lo sguardo sul concetto di diversità e accettazione di sé stessi e degli altri, sul superamento di paure e vulnerabilità, sul valore insito in ogni essere umano a prescindere dal contesto più o meno fortunato in cui possa venire a trovarsi.

    “Un lavoro molto attuale – spiega il coreografo cileno Ivan Truol – perché racconta la migrazione e il viaggio che è costretto ad intraprendere colui che viene emarginato o perseguitato e decide di cercare un proprio posto nel mondo”.

    Ma non solo.

    “La storia ci aiuta a focalizzare che l’essere diverso può rappresentare una ricchezza – aggiunge la coreografa romana Patrizia Cavola – e che da un processo di trasformazione può emergere la nostra natura in tutta la sua bellezza e originalità”.

    Lo spettacolo, con musiche originali di Epsilon Indi e costumi di Medea Labate e Arianna Pioppi, è interpretato da Nicholas Baffoni, Valeria Loprieno, Cristina Meloro, Camilla Perugini, ed è prodotto da Atacama con il contributo di MIBACT Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo -Dipartimento Dello Spettacolo.

    Gli appuntamenti successivi di “Move Off” si svolgeranno invece alle ore 21.30 offrendo due spettacoli a sera.

    Il 14 maggio sarà la volta di “1943” spettacolo contro tutte le guerre, con coreografie di Marga Nativo, interpretato da FloDance 2.0 giovane compagnia residente al Florence Dance Festival.

    A seguire, “The Divina’s” spettacolo della Compagnia MOTUS, con coreografie di Martina Agricoli, che analizza le figure della Divina Commedia come simbolo della violenza di genere.

    Il 31 maggio salirà sul palco dell’Alfieri la Compagnia Petranuradanza/Megakles Ballet con lo spettacolo “Fisiognomica” che con le coreografie di Salvatore Romania e Laura Odierna si ispira a Leonardo da Vinci per analizzare i moti dell’animo umano.

    Nella seconda parte della serata sarà presentato “Work in progress”, un assaggio del nuovissimo lavoro di MOTUS ancora in allestimento con coreografie di Simona Cieri.

    Il biglietto d’ingresso è di 10 euro (ridotto 8 euro, ridotto speciale 5 euro). Tutti gli eventi si svolgeranno nel pieno rispetto delle normative Covid.

    Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare il numero 0577286980 (dal lunedì al venerdì, dalle ore 15 alle ore 19) oppure inviare una mail a info@motusdanza.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...