mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    “Trasporto pubblico locale: che fine hanno fatto i 3 milioni aggiuntivi della Regione?”

    Lo chiede PaP Castelnuovo B.ga: "Studenti e lavoratori che vanno a Siena, lamentano una situazione che era ai limiti del sopportabile anche prima dell’emergenza sanitaria, ma che è intollerabile"

    CASTELNUOVO BERARDENGA – “Che fine hanno fatto i 3 milioni di euro che la giunta regionale toscana avrebbe destinato come risorse aggiuntive per il trasporto pubblico regionale?”.

    Lo chiede Potere al Popolo di Castelnuovo Berardenga, andando a toccare uno dei temi più delicati di questi mesi: il trasporto pubblico locale.

    “I casi sono due – prosegue PaP – o le aziende non li hanno mai ricevuti, oppure non sono stati investiti o utilizzati per altro (ad esempio ripianare i bilanci)”.

    “Perché la situazione – accusano – è sotto gli occhi di tutti: negli orari di punta, anche nel nostro territorio, le corse sono affollate come sempre, altro che 80% di capienza”.

    “In particolare – denunciano – gli studenti e i lavoratori che devono recarsi a Siena per andare a scuola o a lavoro, lamentano una situazione che era ai limiti del sopportabile anche prima dell’emergenza sanitaria, ma che è intollerabile”.

    “Le ragazze e i ragazzi – rimarcano – a scuola devono giustamente rispettare le regole sanitarie come il distanziamento sanitario, l’utilizzo della mascherina e il gel per le mani. Situazione analoga per le lavoratrici e i lavoratori nei luoghi di lavoro”.

    “Però – riprendono – a scuola e al lavoro ci arrivano con trasporti pubblici affollati all’inverosimile. Finito l’orario scolastico e l’orario di lavoro queste persone riprendono gli stessi mezzi pubblici per tornare a casa, stipati come sardine, con il distanziamento sanitario impossibile da rispettare”.

    “E le probabilità di contagiarsi su autobus e treni – aggiungono ancora – sono maggiori che in altri luoghi anche vista l’impossibilità di sanificare il mezzo tra una corsa e l’altra”.

    “Per questo – conclude PaP di Castelnuovo Berardenga – chiediamo con forza che vengano attivati servizi aggiuntivi anche con il ricorso ad autobus o altri mezzi privati ordinariamente non adibiti a trasporto pubblico, ad iniziare dagli autobus turistici visto che in questo momento sono fermi. L’inadempienza della Tiemme e delle altre aziende di trasporto pubblico non può essere pagata ancora una volta dai cittadini”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...