spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Una nuova chiesa da 3 milioni di euro che pare sia caldeggiata anche dall’amministrazione comunale…”

    Castelnuovo B.ga, le critiche di Potere al Popolo: "Sarebbe stato molto più utile e corretto richiedere alla Diocesi e alla Cei di investire nel restauro dei tanti edifici abbandonati"

    CASTELNUOVO BERARDENGA – “Apprendiamo che è prevista la realizzazione di una nuova chiesa in località San Piero, piccola frazione del comune di Castelnuovo Berardenga, che comporterà l’investimento di circa 3 milioni di euro”.

    Potere al Popolo Castelnuovo Berardenga interviene su una questione che sta balzando agli occhi in queste festività natalizie.

    “L’opera sarà finanziata dalla Cei e dalla diocesi – rilancia PaP – e pare sia stata fortemente caldeggiata anche dall’attuale amministrazione comunale”.

    “Non vogliamo soffermarci – riprendono – sull’opportunità di un’opera moderna con un impatto paesaggistico non trascurabile in un nucleo abitato da poche decine di persone”.

    “E neanche – su questo sarà sicuramente il sindaco, Fabrizio Nepi, a far sentire la sua versione – sull’opportunità che un sindaco chieda alla Chiesa di finanziare un’opera religiosa”.

    “Per noi – proseguono da PaP – sarebbe stato molto più utile e corretto richiedere alla Diocesi e alla Cei di investire nel restauro degli innumerevoli edifici ecclesiastici del comune di Castelnuovo Berardenga, anche di grande pregio artistico ed architettonico, che versano in completo stato di abbandono”.

    “Come la chiesa di San Piero in barca – esemplificano – situata a poche centinaia di metri dal sito dove dovrebbe essere edificato il nuovo edificio di culto”.

    “Questo – concludono – perché la nostra priorità è la sicurezza dei nostri concittadini e la tutela del nostro patrimonio culturale ed artistico”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...