spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Gestivano una casa d’appuntamenti a Figline frequentata anche da chiantigiani

    VALDARNO-CHIANTI – Ieri mattina i carabinieri del Norm della Compagnia di Figline Valdarno, hanno arresto due dominicane per il reato di favoreggiamento della prostituzione (la foto sopra è d'archivio).

     

    Da tempo i militari avevano iniziato a tenere sotto controllo un appartamento di Figline nel quale vi era un consistente andirivieni di uomini, che aveva anche creato parecchi malumori in tutto il vicinato.

     

    Dopo avere effettuato numerosi controlli sia dei clienti (alcuni dei quali arrivavano anche dai vicini comuni chiantigiani) che delle prostitute che si alternavano nell’utilizzo della casa, ieri mattina i militari, dopo avere ricostruito le modalità di utilizzo dell’appartamento ed identificato le due donne, residenti nel Valdarno aretino,  che gestivano sia l’alternanza delle prostitute all’interno della loro abitazione, cambiandole al massimo ogni 15 giorni, sia le inserzioni sui vari giornali locali e su siti internet.

     

    Entrambe sono state arrestate per il reato di favoreggiamento della prostituzione. L’immobile è stato posto sotto sequestro così come numerosi telefoni cellulari che servivano a mantenere i contatti con tutti i clienti dell’ampio giro.
     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...