martedì 24 Novembre 2020
Altre aree

    Biblioteche, musei e spazi culturali dei Comuni del Chianti chiusi fino al 3 dicembre

    A Greve, Barberino Tavarnelle, San Casciano. Resta attiva biblioteca digitale DigiToscana MediaLibraryOnLine. I Comuni si attrezzano per attivare il servizio di prestito dei libri a domicilio

    CHIANTI FIORENTINO – Secondo quanto disposto dal Dpcm del 4 novembre 2020 i musei, gli spazi culturali e le biblioteche comunali dei Comuni di Barberino Tavarnelle, San Casciano e Greve in Chianti sono chiusi al pubblico da oggi, venerdì 6 novembre, al 3 dicembre 2020 in linea con quanto disposto dal Decreto del Presidente del Consiglio.

    I prestiti sono automaticamente prorogati e non verranno applicate le sanzioni previste in caso di ritardo nella restituzione.

    Rimane attiva la biblioteca digitale DigiToscana MediaLibraryOnLine che consente di accedere gratuitamente, via Internet, a quotidiani, riviste, ebook, musica, banche dati, film, immagini, audiolibri, corsi a distanza.

    I Comuni si stanno organizzando per attivare proposte culturali alternative nel rispetto delle norme anticontagio, come il prestito di libri a domicilio con l’obiettivo di non interrompere i servizi bibliotecari e favorire i cittadini, in particolare le fasce deboli della popolazione.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...