spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Caro bollette. I sindaci del Chianti fiorentino mettono al buio piazze e monumenti

    Al blackout, iniziativa di protesta dell'Anci, hanno aderito i Comuni di Greve in Chianti, San Casciano e Barberino Tavarnelle

    CHIANTI FIORENTINO –  Anche i sindaci dell’Unione comunale del Chianti Fiorentino decidono di spegnere i principali luoghi pubblici e monumenti per manifestare simbolicamente contro i rincari e chiedere tempestive misure di riduzione delle bollette.

    I Comuni di Greve in Chianti, San Casciano e Barberino Tavarnelle si uniscono all’iniziativa di protesta lanciata dall’Anci che ha stimato per le amministrazioni comunali italiane un aggravio di almeno 550 milioni di euro sulla spesa complessiva annua per l’energia elettrica che oscilla tra 1,6 e 1,8 miliardi.

    Greve in Chianti tiene al buio piazza Matteotti, luogo centrale del capoluogo, mentre San Casciano spegne le luci di uno dei monumenti storici più emblematici del comune chiantigiano: le mura medievali.

    Barberino Tavarnelle aderisce al blackout contro la lievitazione della bolletta energetica delle amministrazioni comunali con lo spegnimento di piazza Matteotti, a Tavarnelle.

    È quanto è appena avvenuto, in adesione all’iniziativa di protesta contro il caro bollette che fa saltare i piani di investimento e mette in crisi i conti dei comuni italiani, già aggravati dai tagli subiti negli ultimi anni e dagli effetti devastanti della pandemia.

    “Il buio per mezz’ora – dichiarano i sindaci Paolo Sottani, Roberto Ciappi e David Baroncelli –  è un piccolo segno ma simbolico per chiedere un intervento deciso al Governo”.

    “L’aumento delle bollette mette in difficoltà le istituzioni, le famiglie, le imprese – rimarcano – e paralizza l’indispensabile operazione di rilancio economico che in questo momento deve essere al centro di ogni priorità istituzionale”.

    “Il caro bollette – concludono – impatta su tutte le sfere dell’attività quotidiana e sul nostro futuro, non possiamo accettare di essere costretti a tagliare e servizi welfare e vanificare ogni nostro sforzo compiuto fino a questo momento”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...