spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Chianti fiorentino, i sindaci ricordano i rimborsi fino al 40% sul costo dell’abbonamento studenti

    I primi cittadini di Greve, San Casciano e Barberino Tavarnelle ricordano alle famiglie l'importanza del provvedimento della Metrocittà: domande fino al 30 novembre

    CHIANTI FIORENTINO – Ha preso avvio l’importante opportunità rivolta agli studenti dell’rea della Città Metropolitana di Firenze che usufruiscono del trasporto pubblico locale.

    E’ possibile inoltrare fino al 30 novembre la richiesta di rimborso, il cosidetto Bonus Back Tpl, rivolto agli studenti residenti nei comuni dell’area metropolitana fiorentina e iscritti ad un Istituto Superiore.

    Il bonus, promosso dalla Città Metropolitana di Firenze, prevede un rimborso fino al 40% sul costo del titolo di viaggio acquistato dall’abbonato (fino ad esaurimento delle risorse).

    E i sindaci deli tre comuni del Chianti fiorentino (San Casciano, Barberino Tavarnelle, Greve in Chianti), che non hanno istituti superiori e che vedono tutti gli studenti utilizzare mezzi pubblici per raggiungere i luoghi di studio, caldeggiano le famiglie a farne richiesta.

    La modalità è la seguente: occorre collegarsi alla home page del sito web della Città Metropolitana di Firenze (https://www.cittametropolitana.fi.it/) e cliccare sulla icona “BONUSBACK TPL studenti”.

    Si aprirà una pagina per la compilazione del modulo di richiesta dove è necessario inserire tutta una serie di dati identificativi dell’utente.

    Il requisito per accedere all’agevolazione è la frequentazione di un Istituto Superiore e la residenza in un Comune della Città Metropolitana di Firenze. Per gli studenti non maggiorenni la domanda dovrà essere effettuata dal genitore o tutore.

    Il rimborso può essere chiesto per la sottoscrizione di abbonamenti autobus urbani/extraurbani annuali (10 mesi/12 mesi), per gli abbonamenti autobus urbani/extraurbani trimestrali, il pegaso annuale e gli abbonamenti Trenitalia annuali.

    Sono esclusi gli abbonamenti mensili o altri titoli di viaggio. Il titolo per il quale si fa richiesta di rimborso dovrà essere acquistato in data successiva all’1 agosto 2023. Il rimborso sarà effettuato per un solo titolo di viaggio ad abbonato.

    Il rimborso sarà erogato a partire da dicembre 2023 ed entro il mese di gennaio 2024. La documentazione necessaria alla compilazione della domanda comprende: il possesso di credenziali di accesso tramite SPID o CIE, dati e foto dell’abbonamento acquistato, dati IBAN per il rimborso.

    Il richiedente che accede tramite SPID o CIE deve essere anche l’intestatario del conto corrente su cui effettuare il bonifico di rimborso. In caso di abbonato minorenne, la richiesta di rimborso dovrà essere effettuata da genitore o tutore, intestatario del conto corrente ove verrà effettuato il rimborso.

    L’iniziativa è prevista nella Relazione di Piano parte integrante dei documenti componenti il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile e prevede la possibilità di agevolare i giovani utenti studenti per favorire l’uso del trasporto pubblico.

    “E’ un importante investimento della Città Metropolitana che incentiva l’utilizzo del servizio di trasporto pubblico – dichiarano i sindaci di San Casciano, Roberto Ciappi, Greve in Chianti, Paolo Sottani, e di Barberino Tavarnelle, David Baroncelli – invitiamo gli studenti e le loro famiglie dei nostri territori ad usufruire di questa opportunità che si pone l’obiettivo di promuovere percorsi di educazione alla mobilità sostenibile adottando azioni di agevolazione tariffaria con l’applicazione della scontistica sugli abbonamenti”.

    Per eventuali richieste di assistenza nella compilazione: bonusbacktpl@cittametropolitana.fi.it. Info: 0552760094 (da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30).

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...