spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Chiantiform e il ritorno dei giovani alla terra: l’esperienza formativa tra i campi sbarca sui canali Mediaset

    L'approfondimento (di Italia 1) ha messo in luce obiettivi e punti di forza del percorso professionalizzante che svolge una funzione formativa e sociale

    CHIANTI FIORENTINO – Le telecamere nazionali di Italia 1 si sono accese sulle opportunità di formazione e lavoro dedicate ai più giovani proposte dai Comuni del Chianti fiorentino. 

    Un approfondimento di Cristiano Puccetti andato in onda qualche giorno fa nel programma pomeridiano Studio Aperto Mag, a cura della redazione giornalistica di Studio Aperto, ha raccontato l’esperienza virtuosa del percorso gratuito che forma gli agricoltori del futuro, promosso dai Comuni di San Casciano, Greve in Chianti, Barberino Tavarnelle, Impruneta e Bagno a Ripoli.

    Gestito dall’agenzia formativa ChiantiForm ETS, sostenuto da fondi ministeriali attraverso la Regione Toscana Giovanisì – Regione Toscana.

    Il focus televisivo ha messo in rilievo non solo gli obiettivi e i punti di forza del progetto, descritti dal sindaco di San Casciano, Roberto Ciappi, la presidente di Chiantiform Elisa Corneli e alcuni docenti, ma ha esplorato il punto di vista degli allievi facendo emergere emozioni e aspirazioni.

    I Comuni, soci di Chiantiform Ets, in collaborazione con la Cooperativa sociale La Stadera, hanno organizzato una nuova iniziativa di informazione rivolta ai ragazzi e alle loro famiglie.

    Nel corso dell’incontro aperto a tutti, previsto domani sabato 6 maggio alle ore 17.30 presso il bar sociale – officina creativa #PostAzione di Greve in Chianti si parlerà delle nuove strade professionali destinate agli aspiranti contadini 4.0 (14-18 anni), ragazze e ragazzi interessati a coltivare passioni e interessi per l’agricoltura che si innova con la tecnologia digitale.

    L’iniziativa è finalizzata infatti alla presentazione del corso gratuito di Istruzione e Formazione professionale Agr.In.Chianti per operatore agricolo.

    Saranno presenti e interverranno il sindaco di Greve in Chianti Paolo Sottani, la presidente di Chiantiform Elisa Corneli e la vicepresidente de La Stadera Mariangela Fusi.

    “Con il corso triennale professionalizzante che consente l’assolvimento dell’obbligo scolastico – spiegano i sindaci – offriamo un’importante opportunità, nata alcuni anni fa con l’obiettivo di contrastare il fenomeno della dispersione scolastica”.

    “Crediamo nei giovani e lavoriamo per scoprire talenti e vocazioni in linea con le potenzialità produttive e occupazionali del territorio” tengono a dire.

    “I percorsi di apprendimento – concludono – orientati al lavoro che formano sul campo con lezioni e stage tra gli ulivi e i vigneti, al fianco di docenti e tutor qualificati, permettono alle ragazze e ai ragazzi di realizzare il loro sogno e trovare un lavoro sicuro, a contatto con la natura, a due passi da casa, nelle prestigiose aziende attive nel Chianti con le quali collaboriamo”.

    I sindaci invitano i giovani ad iscriversi alla prossima edizione del corso che aprirà i battenti a settembre: “Aprire una fattoria che profuma di tradizione e allo stesso tempo corre tra le maglie della contemporaneità è una realtà che possiamo costruire insieme”.

    Iscrizioni entro il 31 agosto 2023.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...