spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    CNA Chianti: imprese agroalimentari in riunione per raccogliere le richieste da sottoporre ai candidati sindaco

    Lunedì 8 aprile, presso la sede CNA di San Casciano: gli imprenditori, sia iscritti che non, si riuniranno per discutere e condividere le loro idee, difficoltà, proposte e riflessioni

    CHIANTI FIORENTINO – In vista delle prossime elezioni amministrative, l’agroalimentare del Chianti fiorentino si prepara a far sentire la propria voce.

    Lunedì 8 aprile, presso la sede CNA di San Casciano, in via del Cassero 23 alle ore 18, imprenditori attivi nel settore agroalimentare, sia iscritti che non all’associazione, si riuniranno per discutere e condividere le loro idee, difficoltà, proposte e riflessioni sul comparto.

    L’incontro, organizzato da CNA Chianti, mira a raccogliere le esigenze e le aspettative degli imprenditori del territorio, al fine di trasmettere al meglio tali informazioni ai candidati sindaco.

    “Sarà un’occasione preziosa – dicono dall’associazione – per mettere in luce le sfide e le opportunità del settore agroalimentare e per delineare le richieste chiave che l’agroalimentare del Chianti vorrebbe veder affrontate dall’amministrazione comunale”.

    “Un’opportunità – concludono – per dare voce alle istanze del settore e per contribuire alla costruzione di un futuro migliore per la comunità locale”.

    All’evento saranno presenti Veronica Cei, presidente di CNA Chianti, e Daniela Falorni, coordinatrice di CNA Chianti, che guideranno la discussione e favoriranno uno scambio costruttivo tra gli imprenditori presenti.

    Per partecipare inviare email di conferma presenza a chianti@firenze.cna.it.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...