mercoledì 25 Novembre 2020
Altre aree

    Elicottero in volo sul Chianti fiorentino: ispezione di Enel delle linee elettriche aeree

    E-Distribuzione monitorerà così, con volo a bassa quota, lo stato di salute di circa 1.100 km di cavi aerei di media tensione e di centinaia di sezionatori aerei di manovra

    FIRENZE – Da terra e anche dal cielo, al via l’ultima fase dei controlli incrociati per garantire un servizio elettrico di qualità nell’area fiorentina (empolese, Chianti fiorentino, Valdisieve, Mugello e comuni limitrofi a Firenze) e in alcune zone della provincia di Prato.

    E-Distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce la rete elettrica di media e bassa tensione, infatti, questa mattina ha iniziato la sessione conclusiva del check-up aereo – avviato negli scorsi mesi – delle linee elettriche nelle zone non ancora ispezionate all’interno dei territori citati con un elicottero specializzato che sorvolerà i centri urbani e le aree rurali.

    E-Distribuzione monitorerà lo stato di salute di circa 1.100 km di cavi aerei di media tensione e di centinaia di sezionatori aerei di manovra. In particolar modo, i controlli di questa sessione di ispezioni eliportate si concentreranno sulle linee collegate alle cabine elettriche nelle seguenti aree e date, condizioni meteo permettendo.

    Nella giornata odierna di giovedì 5 novembre Certaldo, Gambassi, Castelfiorentino, Montaione, Montelupo, Ginestra Fiorentina, Villanova fino a toccare Poggibonsi (quest’ultimo territorio provincia Siena)ù.

    Venerdì 6 novembre Ponzano, Spicchio, Vinci, Marcignana,  Ponte a Elsa, Sovigliana, La Roffia, Santa Croce, Fucecchio, Galleno, Casellina, San Colombano fino Lamporecchio (quest’ultimo territorio provincia Pistoia).

    Sabato 7 novembre San Cresci, Signa, Poggio a Caiano, Tavola fino ad Agliana (territorio provincia Pistoia, Calenzano, San Martino, Rifredi, Varlungo, Ponte a Ema, Tavarnuzze, Impruneta, Testi.

    Domenica 8 novembre Figline, Prulli, Pontassieve; lunedì 9 novembre Rufina, Consuma, Rignano, Contea, San Godenzo, Casini, Marradi, Firenzuola, Borgo San Lorenzo, ma anche in zona San Casciano; infine, martedì 10 novembre, infine, Barberino di Mugello, Futa, Vaiano.

    La verifica con elicottero, effettuata con tecnologie di ultima generazione, consiste nell’ispezione delle linee aeree, difficilmente controllabili da terra, e rientra nell’ambito delle attività di prevenzione e manutenzione delle linee elettriche.

    I voli a bassa quota delle linee consentono la rilevazione visiva, ad elevata risoluzione, di eventuali anomalie e la ripresa video della situazione degli impianti.

    Durante queste attività viene posta particolare attenzione alla presenza di piante nelle immediate vicinanze dei conduttori, allo stato dei sostegni, delle mensole, degli isolatori e dei posti di trasformazione su palo. Le operazioni avvengono con le linee elettriche in tensione, senza ricorrere ad interruzioni del servizio e quindi senza disagi per la cittadinanza.

    Al controllo aereo fa seguito l’analisi di dettaglio dei dati registrati e gli eventuali sopralluoghi dei tecnici di E-Distribuzione che definiscono il piano di interventi. come da piano di lavori suddetto, l’ispezione eliportata dovrebbe concludersi entro il 10 novembre, dopodiché i tecnici della “Zona E-Distribuzione Firenze – Prato” passeranno alla fase operativa con le operazioni sul campo in virtù delle esigenze di intervento rilevate. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...