spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le Vie del Chianti, la prima escursione 2017, nel cuore della Val d’Elsa

    Domenica 15 gennaio, tra calanchi, campi verde smeraldo, fossili e balze verso il profilo medioevale di Certaldo Alto

    CHIANTI FIORENTINO – Scarpe da trekking pronte per le escursioni del 2017? Ecco la prima proposta del gruppo escursionistico Le Vie del Chianti che ci porta nel cuore della Val d'Elsa, in uno dei paesaggi più scenografici della Toscana per la dolcezza delle colline orlate di cipressi, castelli e torri. 

     

    La proposta per domenica 15 gennaio è in direzione del borgo medioevale di Certaldo. Tra ritrovamenti romani, etruschi e medioevali che caratterizzano questo territorio, per gustare con lo sguardo le famose balze, i campi verde smeraldo, le vallette strette tra calanchi grigiastri che danno una colorazione e una connotazione veramente particolare.

     

    Il panorama che si apre nelle giornate terse ci ruba lo sguardo verso le torri di San Gimignano che si stagliano alle spalle di Certaldo e sotto i piedi antichi fossili che emergono qua e là tra i campi. Il percorso quasi tutto di crinale permette di ammirare sotto varie angolazioni il piccolo borgo medievale. Giunti a Certaldo Alto seguirà visita dei Musei Palazzo Pretorio e Casa Boccaccio.

    Il ritrovo è alle 8,30 presso parcheggio Piscina del Chianti a San Casciano in Val di Pesa, l'escursione dura l' intera giornata è di circa 10 km e di difficoltà facile/medio. Quel che serve è il pranzo al sacco, l'acqua, le scarpe da trekking (obbligatorie); la quota di partecipazione è di 15 euro per persona comprensiva di entrata ai musei.

    Info e prenotazioni: Eleonora 392 0579570 – Samuele 338 4611098 leviedelchianti@gmail.com – www.leviedelchianti.it

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...