spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Racchetta cerca volontari: parte il corso (gratuito) per operatore antincendi boschivi

    Il corso inizierà mercoledì 8, per proseguire mercoledì 15 marzo: con orario 19-24. Chiusura sabato 18 marzo, dalle 8 alle 18. A Montespertoli

    CHIANTI FIORENTINO – L’associazione antincendi boschivi e protezione civile La Racchetta, con moltissime sedi operative anche nel nostro territorio (San Casciano, Panzano in Chianti, Ferrone, Barberino Tavarnelle…) cerca volontari.

    Lo fa offrendo un corso completamente gratuito per operatore antincendi boschivi, riconosciuto dalla Regione Toscana, svolto dal personale specializzato per un totale di tre lezioni serali.

    Il corso inizierà mercoledì 8 marzo, per proseguire mercoledì 15 marzo: con orario 19-24.

    Per concludersi sabato 18 marzo dalle ore 8 alle 18: si svolgerà presso il teatro in via Martini 25, a Montespertoli.

    Le lezioni si svolgeranno spiegando innanzitutto come funziona il sistema antincendi boschivi regionale, per poi proseguire con la prevenzione e previsione.

    Spiegando le varie attrezzature usate per l’antincendio e gli automezzi adibiti, oltre a moltissime altre nozioni utili per diventare un volontario antincendio.

    Per ulteriori informazioni e per iscrizione è possibile contattare il numero 3804195863 oppure formazione.aib@laracchetta.it.

    Una volta frequentato il corso è possibile diventare volontario tramite iscrizione in una delle 31 sezioni dislocate su tutto il territorio toscano tra Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Pisa e Siena.

    Visitando il sito internet www.laracchetta.it è possibile conoscere meglio la storia dell’associazione e la sezione più vicina.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...