spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A rischio in particolare il settore dei cereali e quello degli alberi da frutto

    L’agricoltura toscana rischia di annegare. Il prolungamento delle perturbazioni con piogge anche abbondanti e costanti, unite a “casi” di grandine e nubifragi, e abbassamenti imprevisti delle temperature stanno mandando in tilt l’agricoltura (nella foto vigneti a San Casciano).

     

    Già provata da un inverno rigido, le abbondanti piogge che stanno cadendo in questi giorni in tutta la regione senza tregua hanno allagato centinaia e centinaia di ettari di terreni agricoli facendo salire la preoccupazione tra gli agricoltori.

     

    L’agricoltura, fa sapere Coldiretti Toscana, è costretta “ad uno stop forzato a causa delle grandi quantità d’acqua che stanno rendendo impossibile qualsiasi tipo di pratica agricola”. In Toscana sta succedendo esattamente il contrario di quanto accaduto nello stesso periodo dello scorso anno: “Di questi tempi – fa notare Tulio Marcelli, presidente Coldiretti Toscana – ci trovavamo ad affrontare l’emergenza siccità con tutte le sue conseguenze”.

     

    A dare le proporzioni del “fenomeno” climatico i dati sulle precipitazioni: nel marzo 2012 (31 giorni) erano caduti complessivamente circa 20 millimetri di pioggia contro i 110 millimetri ed oltre dellasola prima quindicina di marzo 2013.

     

    A preoccupare Coldiretti sono le previsioni per i prossimi giorni che potrebbero allungare i tempi per il ritorno alla normalità e compromettere il futuro di alcune produzioni che stanno entrando nel vivo. Interi appezzamenti sono sommersi sotto 10-15 centimetri di acqua ed è praticamente impossibile raccogliere gli ortaggi di stagione come è impossibile utilizzare i mezzi agricoli per preparare i terreni.

     

    In cima alla lista dei pensieri c’è il settore cerealicolo (grano duro e tenero, mais, orzo) che in Toscana occupa oltre 115 mila ettari impegnando oltre 12 mila aziende. Intere aree già seminate o pronte ad esserlo sono allagate: le situazioni più complicate nel senese (soprattutto in Val di Chiana, nel grossetano, nel pisano e nel livornese).

     

    “Ad essere maggiormente colpite sono le coltivazioni cerealicole  – conferma Marcelli – ma sono a rischio anche gli alberi da frutto, in fase di germinazione, e le “primizie” primaverili di questa stagione. La preoccupazione è rivolta anche alle colture orticole, alcune già in fase di crescita, e, per queste, l’ondata improvvisa di freddo, proprio a ridosso dell’entrata della primavera, va a sommarsi al dato negativo, e in controtendenza sulla media nazionale, che registra il -40% delle semine come dato medio”.
     

    A tenere con il fiato sospeso l’agricoltura sono anche gli smottamenti, le frane ed i disagi provocati dalla “fragilità” dei terreni in tutta la regione che sono costati già milioni di euro di danni. “Stiamo sorvegliando tutte le situazioni più critiche ed in particolare – spiega ancora Marcelli – là dove si sono già verificate situazione di forte criticità”.

     

    Le previsioni meteo non sembrano promettere nulla di buono con l’arrivo di nuove perturbazioni unite a vento e temporali: “Vigiliamo – conclude Marcelli – se il meteo non ci dà tregua alcune produzioni sono seriamente a rischio”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua