spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 13 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “C’è posto per 30?”: ecco la puntata castellinese del programma di Max Giusti

    Si sono sfidati Osteria Il Re Gallo e Taverna Squarcialupi: non l'avete vista? Ecco come potete godervela...

    CASTELLINA IN CHIANTI – Tanti i castellinesi che domenica 28 ottobre sono rimasti incollati, a partire dalle 21.15, alle loro televisioni, per vedere la trasmissione di Max Giusti sul Nove, "C'è posto per 30?", che faceva tappa a Castellina in Chianti.

     

    A sfidarsi nel format che vede confrontarsi due ristoratori e due ristoranti del cuore del paese, Mauro (Osteria Il Re Gallo) e Mauro (Taverna Squarcialupi).

     

    Una bella "vetrina" anche per Castellina in Chianti, ripreso in angoli e scorci suggestivi. E "proiettato" sulle tv nazionali.

     

     

    A giudicarle 30 giudici popolari divisi per otto tavoli (gli amici, i pensionati, i millennials, i competenti, gli stranieri, i fidanzati, una famiglia romana e il tavolo di Max Giusti, che cambia ogni volta), che rappresentano un punto di vista diverso sul piacere dello stare a tavola.

     

    E alla fine ha vinto… . Non l'avete vista? Ve la siete persa? Allora non vi roviniamo il finale: potete guardarvela qua (o dal link-post sopra).

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...