spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Dining With the Stars”: la super cena finale (sold out) al Castello di Spaltenna

    Il 3 novembre super parterre: 15 chef, 2 pizzaioli, 2 macellai, un affinatore di formaggi, 7 maestri pasticceri, 28 aziende vinicole

    GAIOLE IN CHIANTI –  Fresco del posizionamento tra i primi 60 chef migliori al mondo per la competizione mondiale "The best chef awards", Vincenzo Guarino (in foto sopra) rientra in Toscana da Varsavia (sede della premiazione) con un gran lavoro da affrontare.

     

    Dopo il successo della prima edizione, infatti, torna la grande festa finale del ciclo "Dining With the Stars" al Castello di Spaltenna.

     

    La prima edizione, nel 2016, vedeva coinvolti grandi chef del panorama italiano, mentre quest’anno la “regia artistica” dello chef Guarino ha selezionato non solo chef ma anche pizzaioli sia dall’Italia sia dall’estero, partendo da Thomas Kavic passando per Gennaro Nasti, Francesco Gasbarro e Gianfranco Iervolino, Giovanni Santarpia, per finire poi con Laurent Lemal e Joaquim Koerper.  

     

     

    Si arriva alla cena conclusiva di venerdì 3 novembre (posti già esauriti): una vera grande festa, caratterizzata da un inedito itinerario enogastronomico in cui sarà possibile assaggiare tutte le proposte di 15 chef, 2 pizzaioli, 2 macellai, un affinatore di formaggi, 7 maestri pasticceri, 28 aziende vinicole e di numerosi sponsor.
     

    Tutti insieme per conoscere le eccellenze del panorama enogastronomico italiano e non solo, per contribuire ad nobile scopo: parte dell’incasso sarà infatti utilizzato per acquistare un defibrillatore per la Misericordia di Gaiole in Chianti che sarà poi messo a servizio di tutta la cittadinanza.
     

    Di seguito i nomi dei protagonisti che parteciperanno a questa serata caratterizzata da gusto e solidarietà.
     

    Executive chef:  Andrea Mattei, Meo Mod* Borgo Santo Pietro, Palazzetto; Cristiano Tomei, L’imbuto*, Lucca; Daniele Sera, Tosca del Castello di Casole, Casole d’Elsa; Felice Lo Basso, Felix Lo Basso*, Milano; Filippo Saporito, La Leggenda dei Frati *, Firenze; Gennaro Esposito e Giuseppe Di Martino, Torre del Saracino**, Vico Equense; Giovanni Di Pirro, La Torre*, Castello del Nero, Tavarnelle; Giuseppe Aversa, Il Buco 1*, Sorrento; Lino Scarallo, Palazzo  Petrucci*, Napoli; Luigi Tramontano, La Serra, Hotel Le Agavi*, Positano; Marcello Corrado, Osteria Perillà*, Castiglion d’Orcia; Paolo Barrale, Marennà*, Sorbo Serpico; Salvatore Bianco, Il Comandante Hotel Romeo*, Napoli; Tomaz Kavcic, Gostilna Pri Lojzetu, Slovenia; Vincenzo Guarino, Il Pievano*, Castello di Spaltenna Gaiole in Chianti.

     

    Che pizzaioli: Cristiano Piccirillo, La Mansardona, Napoli; Gennaro Nasti, Bjiou, Parigi. Macellai: Lorenzo Chini, Macelleria Chini, Gaiole in Chianti; Simone Fracassi, Macelleria Fracassi, Rassina. Affinatore di formaggi: Andrea Magi, Formaggi De’ Magi, Arezzo.

     

    Maestri pasticceri: Carmine Di Donna, Pastry Chef, ristorante Torre del Saraceno**, Vico Equense; Daniele Vestri, Cioccolateria Vestri, Arezzo; Domenico Di Clemente, Pastry Chef ristorante Il Palagio*,  Four Seasons , Firenze; Florencia Breda, Pastry Chef, ristorante Il Pievano *, Gaiole in Chianti; Gabriele Vannucci, Pastry Chef ristorante Contrada by Gordon Ramsay,  Castel Monastero Castelnuovo Berardenga; Paolo Sacchetti, Caffè Nuovo Mondo, Prato; Salvatore Capparelli, Pasticceria Artigianale Capparelli, Napoli.

     

    RESIDENT CHEF – Vincenzo Guarino, una stella Michelin, ristorante "Il Pievano"

     

    Aziende vinicole: Barone Ricasoli Castello di Brolio, Gaiole in Chianti; Berlucchi, Borgonato di Corte Franca; Bertani, Grezzana; Bindi Sergardi, Castelnuovo Berardenga; Tenuta Tre Rose, Montepulciano; BVS Birrificio Valdarno, Malafrasca San Frustino; Caccia al Piano 1868, Castagneto Carducci; Capannelle, Gaiole in Chianti; Castello di Albola, Radda in Chianti; Castello di Bossi, Castelnuovo Berardenga; Castello di Tricerchi, Montalcino; Castello di Vicchiomaggio, Greve in Chianti; Dievole, Castelnuovo Berardenga; Famiglia Cecchi, Castellina in Chianti; Fattoria di Felsina, Castelnuovo Berardenga; Feudi di San Gregorio, Avellino; Laurant Perrier, Tours sur Marne Francia; Le Chiuse, Montalcino; Montemercurio, Montepulciano; Passopisciaro, Castiglione di Sicilia; Podere Brizio, Montalcino; Ranieri, Montalcino; San Giusto a Rentennano, Gaiole in Chianti; Tenuta di Trinoro, Sarteano; Terre di Talamo, Grosseto; Torre a Cona, San Donato in Collina; Val di Suga, Montalcino; Villa Vignamaggio, Greve in Chianti.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...