spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lavoro: Sei Toscana cerca addetti ai servizi territoriali di raccolta e spazzamento

    E' il gestore del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti che "copre" anche i comuni del Chianti senese. Contratti a tempo indeterminato e full time

    CHIANTI SENESE – Offerta di lavoro da parte di Sei Toscana, il gestore del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti che “copre” anche i comuni del Chianti senese.

    Sei Toscana, gestore unico dei servizi di igiene ambientale nel bacino dell’Ato Toscana Sud, è “interessata da un percorso di crescita e sviluppo che mira ad un efficientamento dei processi aziendali e dei servizi al cittadino”.

    Per questo è alla ricerca di addetti ai servizi territoriali di raccolta e spazzamento da inserire nel proprio organico.  

    I candidati dovranno avere età compresa tra i 18 e i 45 anni ed essere in possesso almeno della patente B.

    Costituisce inoltre titolo preferenziale il possesso della patente C + CQC. Non è necessaria precedente esperienza nel settore.

    La ricerca è funzionale allo sviluppo di attività operative su tutto il territorio dell’Ato Toscana Sud, comprendente le province di Siena, Arezzo, Grosseto e i comuni della Valdicornia in provincia di Livorno. 

    Forma contrattuale: tempo indeterminato e full time.

    Sede di lavoro: sedi operative dislocate nelle province di Arezzo, Grosseto, Siena e Val di Cornia.

    È possibile inviare la propria candidatura all’indirizzo recruiting@seitoscana.it.

    Saranno prese in considerazione solo le candidature, corredate da CV, ricevute entro e non oltre il 28 ottobre 2022.

    Info e invio curriculum online, qui.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua