spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 20 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    MasterCircolo, il Masterchef fra circoli a Villa a Sesta: trionfa quello di Monti in Chianti con… la carbonara di Maurino

    Prima edizione di una sfida goliardica e piena di gusto nel borgo castelnovino: hanno incrociato... i mestoli i circoli di Monti, di San Gusmè, di Pianella e di Villa a Sesta

    VILLA A SESTA (CASTELNUOVO BERARDENGA) – E’ un borgo del gusto Villa a Sesta. Un gruppo di case e di cuori, nella campagna di Castelnuovo Berardenga, con due ristoranti stellati Michelin (La Bottega del 30 e L’Asinello), la rassegna del Dit’Unto. Insomma, la cucina è di casa.

    E non poteva che nascere qui, nel circolo di Villa a Sesta, l’idea di fare una sorta di Masterchef dedicato… ai circoli.

    Sì, quei circoli dove si cucina da sempre. Dove centinaia, migliaia di volontari in Toscana mandano avanti le attività dedicando tempo, passione, fantasia.

    Ed è nato così MasterCircolo, come una sorta di vero e proprio Masterchef che mettesse a confronto quattro circoli del Chianti senese: Villa a Sesta, Monti in Chianti, San Gusmè, Pianella.

    “Abbiamo iniziato prima della pandemia – ci racconta Paola Valenti – con quattro postazioni all’interno del Circolo di Villa a Sesta alle quali cucinavano i rappresentanti dei quattro circoli”.

    Come giurati erano stati scelti due chef di livello assoluto: Helene Stoquelet e Patrick Benifei.

    Ne era nato anche una sorta di “trailer video”, realizzato da Marco Tassini (lo vedete qui sotto).

    “Poi si è bloccato tutto con la pandemia – racconta ancora Paola – fino a che, quest’anno, abbiamo ripreso in mano il progetto. Organizzando una giornata conclusiva, sabato 18 giugno”.

    Non più, quindi, una sfida in “studio”, ma una cena (per circa 90 persone) con i quattro circoli chiamati a cucinare un antipasto collettivo e un primo piatto singolo.

    Organizzazione come sempre perfetta: quattro postazioni, una per ogni circolo. Apparecchiatura curata fin nei minimi dettagli. Per una serata divertente e piena di gusto.

    Per antipasto, in un piatto unico, le frittatine del Luca Cava del circolo di San Gusmè; il tortino di melanzane del circolo di Monti in Chianti; melanzane gratinate del circolo di Pianella; pappa al pomodoro del circolo di Villa a Sesta.

    Poi, come detto, ogni circolo aveva uno stand in cui ha cucinato il suo primo piatto.

    Il circolo di San Gusmè ha puntato su paccheri con ricotta e pistacchio; quello di Monti in Chianti ha preparato la carbonara “alla maniera di Maurino”.

    Il circolo di Pianella è andato su spaghetti ricotta e menta; quello di Villa a Sesta ha presentato spaghettoni con colatura di alici, finocchietto, lime e cappaeri fritti.

    La giuria stavolta è stata popolare, ovvero le persone venute a cena: ogni commensale ha votato con la propria forchetta infilata nel pane che ogni circolo aveva al proprio stand.

    Ha vinto il circolo di Monti in Chianti, che ha visto la carbonara “alla maniera di Maurino” riscuotere grandi consensi.

    “Una serata bella, piacevole, goliardica – sorride Paola Valenti – Sicuramente da ripetere, come appuntamento annuale. Un momento di condivisione e aggregazione all’interno del mondo del volontariato: un’idea abbastanza nuova di Villa a Sesta, inclusiva. Magari può essere anche l’occasione per avvicinare… qualche volontario in più”.

    Adesso si aspetta solo il video della serata: dopo il trailer del 2020 infatti, Marco Tassini ha girato durante la serata di sabato 18 giugno. E sarà un’emozione anche rivederla… .

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...