spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Riprese in corso per la regista ucraina che gira il “corto raddese” di Slow Movie Contest

    RADDA IN CHIANTI – Si è tenuto ieri, martedì 24 settembre, l’incontro fra l’amministrazione comunale di Radda in Chianti e Alina Gorlova, la regista ucraina  di Slow Movie Contest.

     

    Alina è arrivata a Radda lunedì 23 settembre, appena in tempo per conoscere e filmare Nora Kravis, la "vulcanica" allevatrice di capre da cashmere, che era in partenza per Hong Kong e che, fra l’altro, ha "lasciato" un appartamento della sua azienda agricola ad Alina, che vi alloggerà durante la sua settimana di soggiorno, assieme a  Tatiana Pidgaina, sua traduttrice e assistente.

     

    Questa è la prima cosa che Alina e Tatiana, accompagnate da Demetria Verduci, direttrice di Slow Movie Contest, hanno raccontato al sindaco, Alessandro Aterini, e all’assessore alla cultura e all’istruzione Vanna Neri, e a Emanuele Grazzini, studente di lettere all’università di Siena, che si è offerto di fare da "Cicerone" alle due ragazze.

     

    Alina e Tatiana avevano già visitato in giornata il borgo di Volpaia, e “Decori nel Tempo”, il laboratorio di ceramiche e arredamento di Silvia e Davide Matassini.

     

    Fra le altre eccellenze di Radda che meritano un sopralluogo, il sindaco ha suggerito Borgo San Fedele, una residenza d’epoca completamente ristrutturata, dove risiedono periodicamente piccoli gruppi di artisti; il palazzo comunale, e in particolare le carceri sotterranee, attive dal 1796, quando Radda era la capitale della giurisprudenza della parte del Chianti che comprendeva anche Gaiole e Castellina, al 1944, e la frazione di Badia a Montemuro.

     

    Alina, che girerà anche all’interno del laboratorio di ceramiche “Rampini”,  ha chiesto anche di poter filmare qualche altro artigiano, magari specializzato nella lavorazione del legno, e gli è stata consigliata la falegnameria Lapis, una piccola azienda a conduzione familiare esperta nella lavorazione del castagno.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...