mercoledì 3 Marzo 2021
Altre aree

    “Covid-19, vaccinare anche i familiari caregiver”: la richiesta di AISLA Firenze

    L'associazione interviene nuovamente sul tema vaccini con una richiesta precisa: “Un caregiver positivo vuol dire un disabile non autosufficiente solo”

    FIRENZE – “Oltre alle persone con disabilità non autosufficienti o con malattie gravi, come quelle con Sla, finalmente inserite nella campagna vaccinale contro il Covid-19, occorre provvedere a coloro che si prendono cura di loro. Stiamo parlando dei familiari caregiver. Chiediamo alle Istituzioni di inserire anche loro nella campagna vaccinale” affermano da AISLA Firenze, sezione fiorentina di AISLA Onlus.

    Intervenuta nelle scorse settimane, insieme ad altre realtà del terzo settore, per chiedere di vaccinare anche disabili e malati gravi.

    “Proprio questi ultimi, ancor più esposti al virus, vanno tutelati – rimarcano da AISLA Firenze – con l’obiettivo anche di proteggere le persone con disabilità che li assistono ogni giorno visto che proprio loro potrebbero essere vettori del virus”.

    “Il ruolo del caregiver – rimarcano – è tra i più essenziali nell’assistenza: sono loro a prendersi cura delle persone con disabilità ogni giorno. La positività o il ricovero rischiano di mettere a repentaglio la dignità dell’assistito”.

    “Nell’ottica della sempre proficua collaborazione con le istituzioni chiediamo di sanare questa lacuna” concludono.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...