spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Covid, Fondazione Santa Maria Nuova: “Situazione allarmante. Siamo come a fine novembre”

    Il presidente Giancarlo Landini: “Aggiunti letti Covid in molti reparti. Dobbiamo invertire il trend dei contagi e ritrovare i giusti comportamenti che avevano contraddistinto la Toscana a fine dicembre"

    FIRENZE – “La situazione epidemiologica è di nuovo preoccupante. Abbiamo dovuto aggiungere letti Covid in molti reparti di vari ospedali. Ormai siamo tornati nelle stesse condizioni di fine novembre”. 

    Giancarlo Landini, presidente della Fondazione Santa Maria Nuova Onlus, lancia l’allarme sull’aumento dei ricoveri in diverse strutture ospedaliere della provincia fiorentina. Oltre ai contagi, stanno aumentando progressivamente anche i pazienti.

    “Dobbiamo invertire il trend – esorta Landini – e ritrovare i giusti comportamenti che avevano contraddistinto la Toscana a fine dicembre. Distanziamento interpersonale, utilizzo di mascherine e lavaggio frequente delle mani sono regole ancora fondamentali, non possiamo abbandonarle proprio ora”.

    Giancarlo Landini, presidente di Fondazione Santa Maria Nuova

    “Quest’anno di pandemia è stato provante – aggiunge – sia da un punto di vista economico che sociale, ma bisogna tenere duro e rispettare ancora le norme anti contagio. Gli ospedali non possono essere investiti da una nuova ondata di virus”.

    “E’ positivo l’inizio della campagna vaccinale, unica soluzione per sconfiggere il Covid – prosegue il presidente Landini – Dobbiamo tenere ben presente, però, che in questa fase le dosi vengono somministrate solo ad alcune categorie”.

    “Le forniture disponibili sono poche – rimarca – Prendiamo coscienza quindi che l’incidenza dei vaccini è ancora limitata. Per altro molti anziani, quelli compresi tra i 65 e gli 80 anni, rimangono per ora esclusi dal farmaco, pur essendo una fascia considerata a rischio”.

    “Siamo molto lontani da quell’immunità di gregge della popolazione – prosegue ancora – che permetterà l’assenza di restrizioni e libertà di comportamento”.

    “Il passaggio alla zona arancione – conclude – è purtroppo l’unica misura per bloccare la diffusione del virus: è necessaria”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...