spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Befana di Coldiretti al Mandela Forum: calze con prodotti a km 0 per i bimbi che si vaccinano

    La nonnina si è presentata di prima mattina al più importante centro vaccinale della Toscana, con un cesto pieno di colorate calze a base di prodotti agricoli "Made in Tuscany"

    FIRENZE  – La Befana di Donne Impresa Coldiretti Toscana e Campagna Amica al Mandela Forum per premiare i bambini con la calza a base di prodotti naturali e sostenere la campagna di vaccinazione. 

    La nonnina si è presentata oggi, giovedì 6 gennaio, di prima mattina al più importante centro vaccinale della Toscana (con oltre 600 mila dosi inoculate), con un cesto pieno di colorate calze a base di prodotti agricoli “Made in Tuscany” che ha personalmente consegnato, poco prima del vaccino, ai bambini.

    L’iniziativa è stata promossa da Donne Impresa Coldiretti Toscana e Campagna Amica in collaborazione con l’associazione Nelson Mandela Forum. All’iniziativa ha partecipato il Governatore della Toscana, Eugenio Giani.

    Dopo la donazione di centinaia di Stelle di Natale mangia inquinamento agli ospedali e pronto soccorsi toscani, la principale organizzazione agricola si conferma essere un concreto punto di riferimento a sostegno del piano vaccini regionale.

    “Dentro la calza – ha spiegato Fabrizio Filippi, presidente Coldiretti Toscana – i bambini non hanno trovato caramelle, cioccolate, gomme da masticare o altre leccornie ricche di zuccheri e coloranti, che fanno male alla salute e che compartecipano alla condizione di obesità o sovrappeso per un bambino su quattro in Toscana, ma olio extravergine di oliva toscano IGP, noci, noccioline, miele”.

    “E persino croccante – ha proseguito – prodotto dalle aziende agricole che aderiscono alla rete di vendita diretta di Campagna Amica nel rispetto della trasparenza, della tracciabilità, della sicurezza e della qualità”.

    “Con questa iniziativa – ha detto ancora Filippi – vogliamo spronare bambini e bambine, ragazzi e ragazze ad una più salutare e consapevole alimentazione nel segno della dieta mediterranea e del consumo di prodotti agricoli locali e genuini senza perdere il gusto e la ricchezza della tradizionale calza dell’Epifania”.

    Nella calza dell’inedita supporter caramelle, cioccolate, gomme da masticare e carbone, hanno lasciato il posto al più salutare olio extravergine di oliva toscano IGP insieme a noci, noccioline, miele, nocciole e persino croccante prodotto dalle aziende agricole che aderiscono alla rete di vendita diretta di Campagna Amica.

    Nella calza è stato inserito la guida “Curiosi per natura” edito da Campagna Amica dedicata proprio ai più piccoli che racconta la natura e la stagionalità. 300 le calze che sono state consegnate nell’arco della giornata.

    “Con molto piacere – ha detto la vicepresidente e assessora all’agroalimentare Stefania Saccardi – oggi sono venuta qua a condividere un momento di festa con i bambini e a distribuire le calze, uno dei simboli più tradizionali e amati di questa giornata. Per l’occasione, oltre a donare gioia le calze di Coldiretti lanciano anche un messaggio di salute e del valore delle nostre aziende agricole”.

    “Trovo la calza a km zero uno strumento perfetto per far comprendere la qualità dei nostri prodotti – ha concluso – la maestria di chi li porta sulle nostre tavole ma soprattutto, l’idea di abbinarla alla vaccinazione pediatrica la rende ancora più preziosa, così come fa di questa una giornata molto speciale”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...