spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’ospedale Serristori torna Covid free. Chiusa l’ultima area Covid di Medicina Interna

    All'ospedale di Figline, hanno riaperto gradualmente la Chirurgia programmata e un reparto di Medicina Interna. La programmazione dei servizi nei prossimi mesi

    FIRENZE – Da qualche giorno anche l’ospedale Serristori è tornato Covid free, con la chiusura dell’ultimo reparto Covid di Medicina Interna.

    L’ospedale di Figline durante la seconda ondata della pandemia aveva destinato alle degenze Covid alcuni reparti che progressivamente a partire dai mesi scorsi sono andati chiudendo, l’ultimo qualche giorno fa.

    Gradualmente hanno quindi riaperto la Chirurgia programmata e un reparto di Medicina Interna per patologie internistiche a media intensità di cura. Entrambi continueranno l’attività anche nei mesi estivi.

    A settembre le sezioni di degenza ordinaria di Medicina No Covid diventeranno due, mentre, come già annunciato, anche l’attività chirurgica sarà potenziata sette giorni su sette.

    Si ricorda che all’ospedale Serristori è attivo cinque giorni alla settimana il Day Service a cui possono rivolgersi sia i pazienti inviati dal medico curante sia provenienti dal DEA.

    In particolare questo servizio si realizza grazie alla collaborazione con i medici di medicina generale del Valdarno e con la specialistiche di Geriatria e Reumatologia.

    Per i pazienti fragili inoltre c’è l’opportunità di usufruire anche del telemonitoraggio a distanza, a completa gestione del personale medico infermieristico del Day Service. Servizi innovativi ed efficienti per i cittadini del Valdarno che con l’area chirurgica, riqualificano il Serristori anche livello di area medica.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...