spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Medici specializzandi per campagna di vaccinazione, in attesa della legge per i contratti

    Le aziende sanitarie territoriali hanno già pronti gli avvisi per il reclutare i medici specializzandi, che non siano titolari di altri incarichi da parte del Servizio sanitario regionale

    FIRENZE – Le aziende sanitarie territoriali potranno pubblicare gli avvisi per il reclutamento dei medici specializzandi, da impiegare nella campagna di vaccinazione, appena sarà approvata la norma che rende possibile stipulare i contratti.

    La Regione Toscana è, dunque, in attesa che venga promulgata la legge che renda possibile alle Aziende sanitarie la contrattualizzazione diretta dei medici specializzandi – su base volontaria – attualmente di competenza esclusiva del commissario straordinario della Protezione civile.

    Dal canto loro, le aziende sanitarie territoriali hanno già pronti gli avvisi per il reclutare i medici specializzandi, che non siano titolari di altri incarichi da parte del Servizio sanitario regionale, mediante contratti di collaborazione coordinata e continuativa, di norma di durata di 3 mesi, rinnovabili per altri 3, con copertura assicurativa aziendale (è esclusa, ai sensi di legge, la colpa grave).

    A oggi, lo ricordiamo, la presentazione della candidatura sul bando nazionale non preclude la partecipazione al successivo bando regionale, fermo restando che i due incarichi non sono cumulabili.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...