spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Servizio Civile: un anno in comune con il progetto “Bibliotecando”: si cercano due giovani

    Il bando di selezione è quello del Servizio civile regionale nell'ambito di Giovanisì, il progetto dedicato all'autonomia dei giovani

    FIRENZE – Il Comune di Impruneta cerca 2 giovani dai 18 ai 29 anni da impiegare nella biblioteca comunale, nell’area educazione e promozione culturale.

    Per partecipare è richiesta un’età compresa tra 18 e 29 anni, di essere disoccupati o inattivi e residenti o domiciliati in Toscana.

    Il bando di selezione è quello del Servizio civile regionale nell’ambito di Giovanisì, il progetto dedicato all’autonomia dei giovani.

    Il progetto regionale mira al potenziamento della biblioteca comunale, alla sua promozione e all’aumento della fascia oraria di apertura e anche al supporto dell’informazione turistica per una migliore conoscenza del territorio.

    Le ore settimanali di servizio previste sono venticinque su cinque giorni settimanali. La durata del servizio civile è complessivamente di dodici mesi e ai giovani in servizio è corrisposto direttamente dalla Regione Toscana un assegno di 433,80 euro.

    Il Bando scade alle 14 di venerdì 28 maggio e la domanda va presentata esclusivamente online al sito: https://servizi.toscana.it/sis/DASC.

    Per info contattare: serviziocivile@ancitoscana.it oppure consultare la pagina del Servizio Civile Regionale, progetto Bibliotecando – Firenze e Prato sul sito di  Anci Toscana:
    https://ancitoscana.it/servizio-civile/servizio-civile-regionale/1843-progetto-bibliotecando-firenze-e-prato.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua