spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Siena, aperto il nuovo centro vaccinale nei locali dell’asilo nido “La Pimpa”

    L'asilo nido, situato in Strada di Renaccio 43, a Siena, è il luogo ideale per accogliere i bimbi nella fascia d'età 5-11 anni

    SIENA – “Io e mio marito ci siamo vaccinati e riteniamo giusto proteggere i nostri figli. Oggi abbiamo iniziato con il primo, approfittando di questo nuovo centro”.

    Sono queste le parole della mamma del primo vaccinato al nuovo hub vaccinale anti Covid-19 posto nei locali dell’asilo nido “La Pimpa” a Siena.

    Ha aperto infatti ieri pomeriggio la struttura messa a disposizione dal Comune di Siena all’Asl Toscana sud est.

    L’asilo nido, situato in Strada di Renaccio 43, a Siena, è il luogo ideale per accogliere i bimbi nella fascia d’età 5-11 anni, che sono stati i primi ad essere vaccinati dagli operatori sanitari.

    Il centro opererà tutti i giorni dalle 8 alle 20 e avrà a disposizione fino a un massimo di 300 dosi giornaliere.

    Per prenotare la vaccinazione è necessario verificare le disponibilità sul portale regionale https://prenotavaccino.sanita.toscana.it.

    Vista la prossima apertura, programmata per il 17 gennaio,  del centro vaccinale nella palestra La Popolare di Monteroni d’Arbia, in provincia di Siena a partire da lunedì saranno così operativi i seguenti centri vaccinali dell’Asl Toscana sud est.

    A Siena l’asilo “La Pimpa”, il poliambulatorio in via Pian d’Ovile, la sede Asl al Ruffolo solo per i richiami delle vaccinazioni pediatriche già effettuate.

    Quindi palestra La Popolare a Monteroni d’Arbia, sala polivalente ex Macelli a Montepulciano, Centro Macchia Faggeta ad Abbadia San Salvatore, poliambulatorio La Fabbrichina a Colle Val d’Elsa. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...