spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vaccini: la Regione Toscana scende in campo per sensibilizzare i giovani

    Nasce "GiovaniSìVaccinano" per promuovere la consapevolezza dell'importanza della vaccinazione come atto responsabile verso se stessi e verso gli altri

    FIRENZE – La Regione Toscana scende in campo per sensibilizzare i giovani alla vaccinazione anti Covid. Lo fa con il progetto “GiovaniSìVaccinano”, in stretta collaborazione con Anci Toscana, le Asl nord ovest e sud est e le associazioni di volontariato (Federazione delle Misericordie della Toscana, Croce Rossa Italiana – Comitato Regionale Toscana, Anpas).

    Il progetto prevede l’allestimento di stand e gazebo, con distribuzione di materiale informativo, nei luoghi maggiormente frequentati dai giovani in otto località costiere, di competenza territoriale delle Asl nord ovest e sud est, questo fine settimana (sabato 31 luglio e 1 agosto, dalle ore 18 alle 22, con una variazione di orario che riguarda solo il territorio di Livorno), con l’obiettivo primario di favorirne la vaccinazione.

    Questa iniziativa è promossa dalla presidenza della Regione Toscana nell’ambito di Giovanisì, il progetto regionale per l’autonomia dei giovani, che dal 2011 vuole favorirne l’indipendenza attraverso il diritto allo studio e alla formazione, l’inserimento nel mondo del lavoro e l’avvio di start up. (https://phplist.servizi.tix.it/rt-ToscanaNotizie/lt.php?tid=BtRDxlcfq8mCT189FDN+HfT0r+XZpuF1gBYTmjzU5oSLnBZ6eNDJrJESXoBzwcOe)

    “La sinergia – commenta il presidente Eugenio Giani – che è venuta a crearsi tra tutte le forze in campo nella lotta al Covid, ci consente di attivare questo fine settimana una serie di punti informativi in alcuni luoghi della costa maggiormente frequentati dai giovani”.

    “Il nostro obiettivo – prosegue – è aiutare loro a prendere consapevolezza dell’importanza della vaccinazione come atto responsabile verso se stessi e le persone con cui si relazionano abitualmente, in famiglia e fuori. I nostri giovani hanno già dato prova di grande sensibilità”.

    “Abbiamo già registrato da parte loro – osserva Giani – un’apprezzabile adesione alla campagna di vaccinazione, ma non basta. Tutti quanti insieme dobbiamo dare il massimo e fare la nostra parte fino in fondo, se vogliamo dare il giusto valore e significato ai sacrifici, che
    l’intera comunità toscana ha fatto fino a oggi”.

    “Molto si è detto sulla presunta irresponsabilità dei giovani nel corso di questa pandemia. Adesso però sappiamo – spiega Bernard Dika, consigliere speciale del presidente per le politiche giovanili – che l’85% dei ventenni toscani ha prenotato il proprio vaccino, con numeri in continuo aumento”.

    “Vi è una percentuale più bassa tra gli over30 – fa sapere Dika – e per questo abbiamo messo in pista nel fine settimana una campagna di sensibilizzazione a loro indirizzata nei luoghi più frequentati in Estate. I giovani toscani devono fare la differenza e rendere la Toscana al più presto sicura!”

    “Stiamo vivendo una fase molto delicata della lotta alla pandemia – sottolinea Simone Gheri, direttore di Anci Toscana – da un lato si comincia a intravedere la fine del tunnel, dall’altro registriamo che il virus non è certo sconfitto, anzi sta riprendendo vigore. E dunque dobbiamo continuare a perseguire l’obiettivo più importante: vaccinarsi. È fondamentale che a farlo ora siano i giovani, i più esposti al contagio, soprattutto in vista della ripresa delle attività scolastiche e universitarie. Per questo Anci Toscana sostiene e collabora senza incertezze a questa nuova campagna della Regione, perché è necessario arrivare il prima possibile a vaccinare tutte le fasce di popolazione”.

    “L’iniziativa “GiovaniSìVaccinano” in programma nel prossimo fine settimana – evidenzia il direttore generale dell’Asl nord ovest Maria Letizia Casani – è davvero di grande rilevanza, perché vede la Regione Toscana impegnata, insieme alle Asl e alle associazioni di volontariato,
    per fornire informazioni e sensibilizzare i giovani alla vaccinazione. La particolarità di questo progetto è che andiamo a cercare le ragazze e i ragazzi nei luoghi da loro più frequentati”. 

    “La nostra Azienda è quella più rappresentata – spiega ancora Casani – con ben sei località scelte per l’allestimento dei gazebo e per la distribuzione del materiale informativo. Lo sforzo, quindi, è stato notevole e ringrazio le associazioni di volontariato, ma anche i responsabili di zona distretto e i Comuni, per la loro consueta disponibilità e collaborazione, che hanno permesso in tempi strettissimi di organizzare l’iniziativa. Spero che la presenza degli operatori e il materiale prodotto per la campagna possano essere accolti con favore dai giovani, che tra sabato e domenica avranno la possibilità di informarsi e magari anche di prenotarsi per la vaccinazione anti Covid”.

    “L’iniziativa – fa sapere il direttore generale dell’Asl sud est Antonio D’Urso – è senza dubbio un’importante occasione per consolidare la consapevolezza dell’importanza di vaccinarsi nei nostri giovani che forse più di altri sentono la voglia di tornare alla normalità, specialmente in estate”. 

    “Come Azienda sanitaria – prosegue – è nostro dovere fornire loro informazioni corrette sulla vaccinazione e conquistare la fiducia di chi, nella fascia di età più bassa, ancora non ha piena conoscenza della sfida che ci è stata messa davanti. Aderiamo, pertanto, con convinzione all’iniziativa della Regione, realizzata insieme alle associazioni locali, prezioso e costante supporto, che hanno accolto con entusiasmo la nostra richiesta di collaborazione e che saranno presenti in questo fine settimana nei due punti informativi di Follonica e Castiglione della Pescaia”.

    Soddisfazione è stata espressa dai vertici del volontariato regionale: il presidente di Anpas Toscana Dimitri Bettini, il vice presidente della Croce Rossa Italiana -Comitato Regionale Toscana Costantino Danese, e il responsabile della formazione della Federazione Misericordie della Toscana Filippo Pratesi

    “Lo scorso anno – affermano – il volontariato scese nei luoghi della movida con delle postazioni dove si eseguivano i test sierologici. Un’iniziativa che permise lo screening di giovani e meno giovani, che affollavano le piazze e i lungomare della nostra regione. Per questa estate abbiamo accolto l’invito a dare il nostro contributo per sensibilizzare i più giovani, per informarli sulla campagna vaccinale contro il Covid.

    “Un contributo che diamo volentieri, un impegno che va ad aggiungersi a quello quotidiano dei nostri volontari all’interno degli hub vaccinali toscani, e nella giornaliera opera di assistenza e soccorso. Il nostro invito ai giovani e meno giovani – concludono – è a vaccinarsi e a spingere amici e conoscenti alla vaccinazione. Solo in questo modo sarà possibile abbattere i contagi e ripartire. Se ne esce tutti insieme o non se ne esce affatto”.

    Elenco delle località, interessate dal progetto “GiovaniSìVaccinano”

    Asl nord ovest

    Massa – Viale Vespucci 22 – Pontile di Marina di Massa (Croce Rossa)

    Pisa – Via Repubblica Pisana n. 68 – Marina di Pisa (Pubblica Assistenza Litorale
    Pisano)

    Livorno – sabato 31 luglio Piazza Domenicani (nei pressi della Ponceria, SVS Pubblica
    Assistenza di Livorno) dalle ore 19 alle 23; domenica 1 agosto Località
    Tre Ponti (SVS Pubblica Assistenza di Livorno) dalle ore 18 alle 22

    Valli etrusche – Piazza Mischi a San Vincenzo (Misericordia e Croce rossa di San Vincenzo)

    Viareggio – Piazza Puccini – Lungomare Viareggio (Misericordia, Croce Verde e Croce
    Rossa di Viareggio);

    Forte dei Marmi – Piazza Garibaldi (Misericordia di Forte dei Marmi)

    Asl Sud Est

    Follonica (Gr) – Piazza a Mare, sabato 31 luglio (Croce rossa)

    Castiglione della Pescaia (Gr) – Corso della Libertà, domenica primo agosto (Misericordia di Buriano)

    @RIPRODIZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...