martedì 2 Marzo 2021
Altre aree

    Vaccini Pfizer, in Toscana garantita la seconda dose. Al via anche il vaccino Moderna

    Le decisioni della Regione Toscana in seguito alla notizia delle riduzioni nelle consegne europee del vaccino da parte della Pfizer Biontech

    FIRENZE – Sono confermati come da calendario stabilito gli appuntamenti per la somministrazione delle prime dosi del vaccino Pfizer BioNTech di domani, domenica 17 gennaio.

    E delle seconde dosi che partiranno sempre domani, domenica 17 gennaio, e che proseguiranno regolarmente nei giorni successivi.

    In via precauzionale è stato invece deciso di annullare le prenotazioni della prima dose previste per i giorni 18, 19, 20 e 21 gennaio, per garantire la disponibilità della seconda dose a tutti coloro a cui è già stata somministrata la prima.

    Questo in seguito alla notizia delle riduzioni nelle consegne europee del vaccino da parte dell’azienda.

    Tale rimodulazione è agevolata dal sistema digitale di prenotazione che consente di comunicare tempestivamente con i cittadini anche attraverso un semplice sms.

    Le agende per le prime somministrazioni verranno riaperte non appena avremo certezza di nuove forniture da parte di Pfizer BioNTech, tali da consentire la ripresa delle prenotazioni.

    Confermate le somministrazioni delle prime 5.300 dosi del vaccino di Moderna che, come annunciato ieri, inizieranno lunedì 18 gennaio.

    I primi a essere vaccinati con il siero prodotto da Moderna saranno gli operatori dei servizi di emergenza-urgenza e i volontari impegnati nei trasporti sanitari (tra le categorie coinvolte nella fase 1), che avevano già effettuato la pre-adesione a dicembre.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...