spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vaccino anti Covid, si riaprono le agende di prenotazione in Toscana

    Destinato agli operatori sanitari e sociosanitari degli ospedali e delle Rsa, alle strutture territoriali pubbliche, al privato accreditato, ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta

    FIRENZE – Si riaprono oggi, 4 febbraio, le agende per prenotare il vaccino anti Covid.

    Destinato agli operatori sanitari e sociosanitari degli ospedali e delle Rsa, alle strutture territoriali pubbliche, al privato accreditato, ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta, sempre che abbiano già effettuato la pre-adesione: tutte categorie, queste, coinvolte nella fase 1.

    E’ quanto previsto dal cronoprogramma regionale una volta trascorse le 48 ore, entro le quali è stata data priorità di prenotazione alle 6.900 persone che si erano già prenotate e alle quali erano stati annullati gli appuntamenti per improvvisa riduzione delle forniture: di queste, si sono prenotate 6.846 persone totali.

    L’ultima fornitura di 31.590 dosi di vaccino di produzione Pfizer-BioNTech è stata, infatti, consegnata lo scorso 2 febbraio, consegna che ha consentito di riaprire le agende della fase 1 per la prenotazione delle prime somministrazioni del vaccino Pfizer, mentre continuano regolarmente le somministrazioni dei richiami.

    Dall’inizio della campagna alle ore 14.30 di oggi, giovedì 4 febbraio, sono state utilizzate in tutto 136.957 dosi di vaccino, di cui 21.067 in Rsa, come riportato sul portale web https://vaccinazioni.sanita.toscana.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...