spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vaccino Covid, open day al Meyer domenica 6 febbraio per i bambini tra i 5 e gli 11 anni

    La vaccinazione verrà effettuata in un ambiente a misura di bambino. Grazie al sostegno della Fondazione Meyer, ad accompagnare i piccoli ci saranno i cagnolini della Pet Therapy e i clown

    FIRENZE – Anche l’ospedale pediatrico Meyer partecipa alla campagna straordinaria di vaccinazione pediatrica promossa dalla Regione Toscana.

    Domenica 6 febbraio il Meyer aprirà le sue porte per un open day dedicato alla vaccinazione dei bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni.

    L’accesso sarà libero, dalle 9 alle 18, e non sarà necessaria alcuna prenotazione.

    I piccoli potranno effettuare la prima dose oppure la seconda: ovviamente, in quest’ultimo caso, dovranno essere trascorsi almeno 21 giorni dalla prima dose.

    Sarà consentito l’accesso a un solo genitore. La vaccinazione verrà effettuata in un ambiente a misura di bambino.

    Grazie al sostegno della Fondazione Meyer, ad accompagnare i piccoli in questa esperienza, che può incutere qualche timore, ci saranno i cagnolini della Pet Therapy e i clown.

    “Siamo felici – spiega Alberto Zanobini, direttore generale del Meyer – di poter dare il nostro contributo a questa iniziativa così importante per proteggere la salute dei bambini”.

    “La vaccinazione – conclude – permette di proteggere i piccoli dalla forma grave della malattia che, seppur molto rara, è purtroppo possibile e consente loro di tornare a godere della socialità di cui hanno tanto bisogno”.

    Per informazioni: www.meyer.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...