giovedì 21 Gennaio 2021
Altre aree

    Volontariato di protezione civile, il 1 dicembre apre bando regionale da 140 mila euro

    Risorse destinate al volontariato organizzato di protezione civile per il potenziamento delle capacità operative, il miglioramento della preparazione tecnica e lo sviluppo della resilienza delle comunità

    FIRENZE – Un bando regionale per finanziare progetti delle associazioni di volontariato di protezione civile.

    Aprirà il prossimo 1 dicembre (e fino al 20 dicembre) con una dotazione finanziaria di 140 mila euro per il 2020 ed il 2021.

    Lo ha annunciato l’assessore regionale all’ambiente e protezione civile Monia Monni, che ha presentato nell’ultima seduta di giunta la delibera che approva il bando.

    “Sono risorse – spiega – destinate al sistema toscano del volontariato organizzato di protezione civile per il potenziamento delle loro capacità operative, il miglioramento della preparazione tecnica e lo sviluppo della resilienza delle comunità”.

    Ogni organizzazione di volontariato e gruppo comunale iscritti nell’elenco territoriale potrà presentare, per ogni annualità, una sola richiesta di contributo per un solo progetto per una delle tre misure previste dal bando.

        • Misura A: potenziamento della capacità operativa mediante l’acquisizione di nuove attrezzature e mezzi o potenziamento ed ampliamento delle capacità tecniche di mezzi già in possesso.

        • Misura B: miglioramento della preparazione tecnica mediante addestramento e formazione dei volontari con particolare riferimento alle tematiche del sostegno alla disabilità.

        • Misura C: sviluppo della resilienza delle comunità mediante iniziative digitali di informazione alla popolazione in materia di previsione e prevenzione dei rischi e in materia di protezione civile. Si punta in modo particolare a favorire l’avvicinamento dei giovani alle attività del volontariato di protezione civile.

    Il contributo non potrà superare il 75% della spesa complessiva del progetto. 

    L’assessore regionale alla Protezione Civile, Monia Monni

    “Prima di tutto – aggiunge l’assessore Monni – voglio ringraziare le associazioni di volontariato, per il grande lavoro svolto in questa fase emergenza sanitaria. Associazioni che sono state fondamentali per tantissime attività di supporto alla popolazione: dall’organizzazione e allestimento dei triage all’entrata degli ospedali, alla distribuzione delle mascherine a tutti i cittadini toscani, fino all’importante compito della consegna a domicilio della spesa alle persone più fragili”.

    “Le risorse messe a disposizione con il bando – prosegue Monni – vogliono rappresentare anche un segno di riconoscimento del lavoro svolto in questi mesi, ma anche un aiuto importante per l’acquisto di nuove attrezzature e nuovi mezzi, per la formazione dei nostri volontari e per finanziare progetti specifici di diffusione della cultura di protezione civile”.

    “E’ la nuova legge regionale di protezione civile – sottolinea Monni – che ha previsto questa modalità di finanziamento del volontariato, in maniera analoga a quanto già disciplinato a livello nazionale dal codice di protezione civile”.

    “Queste risorse – conclude – si aggiungono a quelle stanziate nella scorsa giunta per le strutture di Protezione Civile provinciali. Un finanziamento passato da 200 mila euro ad 1 milione, frutto dell’attuazione della nuova legge regionale nella quale si rafforza il ruolo delle strutture provinciali della Protezione Civile, sempre più importanti per il coordinamento delle associazioni e dei territori, nel momento delle emergenze”.

    Le domande potranno essere presentate entro il 20 dicembre 2020 attraverso il sito web della protezione civile della Regione Toscana.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...