spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 18 Settembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A1: chiusura notturna del tratto Firenze Sud-Incisa Reggello direzione Bologna

    Prevista chiusura nella notte del 24 luglio. Chiusa anche area di servizio. Tutti gli orari e gli aggiornamenti sulla viabilità con i percorsi alternativi

    FIRENZE –  Sulla A1 Milano-Napoli, per finalizzare gli approfondimenti tecnici avviati nelle scorse settimane sul viadotto Torraccia, dalle 02:00 alle 04:00 di sabato 24 luglio, sarà chiuso il tratto compreso tra Firenze sud e Incisa Reggello, in direzione di Firenze/Bologna.

    Nella stessa notte, ma con orario 01:00-04:00, sarà chiusa l’area di servizio “Chianti est”, situata all’interno del tratto.

    In alternativa, per i veicoli diretti verso Firenze/Bologna, dopo l’uscita obbligatoria alla stazione di Incisa Reggello, si consiglia di percorrere la viabilità ordinaria dove, per l’occasione, sarà predisposta apposita segnaletica gialla indicante “Bologna” e rientrare sulla A1 alla stazione di Firenze sud.

    Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità e sui percorsi alternativi sono diramati tramite i collegamenti “My Way” in onda su Sky Meteo24 (canale 502 Sky), su Sky TG24 (canali 100 e 500 Sky e canale 50 del digitale terrestre), su La7 e La7d (canale 7 e 29 del digitale terrestre) e sui seguenti canali: sulla App My Way scaricabile gratuitamente dagli store di Android e Apple, sul sito www.autostrade.it.

    Aggiornamenti radio su RTL 102.5, su Isoradio 103.3 FM, attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in area di servizio.

    Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il call center Autostrade al numero 840.04.21.21, attivo 24 ore su 24.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...