spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A1, il tratto fra Fi-Sud e Fi-Scandicci torna pienamente percorribile dal 18 novembre

    La viabilità verrà ripristinata nei giorni feriali (lunedì-venerdì) in orario diurno (dalle 6 alle 22) su tutte le corsie disponibili: ecco come proseguiranno i cantieri

    FIRENZE – Alle ore 6 del 18 novembre, nel tratto tra Firenze Sud e Firenze Scandicci della A1 Milano-Napoli, terminerà la fase a maggiore impatto sulla viabilità cittadina dei lavori di ammodernamento delle gallerie Pozzolatico, Brancolano, Lastrone e Melarancio, situate tra gli svincoli di Firenze sud e Scandicci in direzione Bologna.

    La viabilità verrà quindi ripristinata nei giorni feriali (lunedì-venerdì) in orario diurno (dalle 6 alle 22) su tutte le corsie disponibili, risolvendo in via definitiva l’impatto generato dai cantieri sulla circolazione.

    Come previsto dal piano, le attività di consolidamento delle gallerie – alle quali, per ottimizzare i cantieri, si aggiungeranno quelle di adeguamento impiantistico alla normativa antincendio – proseguiranno esclusivamente in orario notturno, dalle 22 alle 6 e, in via continuativa, durante i weekend del 27 e 28 novembre e del 18 e 19 dicembre, dalle 22 di venerdì alle 14 di domenica.

    “Periodi nei quali – dice Autostrade per l’Italia – in relazione ai ridotti volumi di traffico, non si prevedono turbative significative”.

    “Si ricorda – prosegue la società . che gli interventi di ammodernamento eseguiti nelle quattro gallerie rientrano nel piano di ammodernamento della rete di Autostrade per l’Italia. In particolare, i consolidamenti realizzati sono stati definiti sulla base del cosidetto “piano di assessment” varato in condivisione con il MIMS nel 2020, che prevede campagne di indagini e prove di laboratorio particolarmente approfondite e svolte con il ricorso alle migliori tecniche disponibili”.

    “Le lavorazioni nelle gallerie del tratto cittadino – ricordano – comportano un impegno economico complessivo di oltre 10 milioni di euro, con interventi estesi a circa 50 mila metri quadrati di rivestimento dei fornici”.

    “Ringrazio tutte le maestranze – ha dichiarato Matteo Marvogli, direttore di Tronco di Firenze di Autostrade per l’Italia – che hanno lavorato ininterrottamente e con impegno per poter portare avanti le attività nel minor tempo possibile”.

    “Il piano di ammodernamento delle gallerie che Aspi ha avviato su tutta la rete di sua competenza – ha proseguito – prevede interventi alquanto invasivi che necessitano di essere svolti in continuità e con l’impiego di mezzi imponenti, caratteristiche che richiedono necessariamente la chiusura al traffico dei fornici interessati dai lavori”.

    “Per questo – ha concluso – ringrazio in modo particolare la Regione Toscana, la Città Metropolitana di Firenze e i Comuni dell’area del Chianti che ci hanno supportato nelle fasi più invasive di questi cantieri”.

    “Sono stati mesi duri per gli spostamenti dei nostri cittadini – hanno dichiarato i sindaci del Chianti – ma si è trattato di interventi che andavano fatti a beneficio di tutti, del nostro territorio e del Paese”.

    “Va riconosciuto a Società Autostrade – hanno concluso – di averci coinvolto e tenuti aggiornati sin dall’inizio su ogni passaggio dei lavori, e di aver concluso gli stessi perfettamente in linea con il cronoprogramma iniziale. Un ringraziamento anche da parte nostra a tutte le maestranze che hanno lavorato h 24 per il completamento dei lavori”.

    Uno dei sopralluoghi dei sindaci nei cantieri dentro le gallerie

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...