mercoledì 3 Marzo 2021
Altre aree

    Abbattimento cinghiali, Coldiretti: “Negli ultimi 3 mesi del 2020 ridotta del 48% rispetto al 2019”

    Rilevamento in occasione del bollettino delle ATC della Toscana con quasi 16.784  cinghiali in meno abbattuti da ottobre a dicembre 2020: "Danni in campagna da profondo rosso"

    TOSCANA – “Bilancio amaro sull’abbattimento dei cinghiali in Toscana, ridotta del 48% negli ultimi 3 mesi del 2020 rispetto all’anno precedente, con una stima dei danni in campagna da profondo rosso”.

    E’ quanto rileva Coldiretti Toscana, in occasione della diffusione del bollettino delle ATC della Toscana con quasi 16.784  cinghiali in meno abbattuti da ottobre a dicembre 2020.

    “Le campagne sono in balia di migliaia di cinghiali, con le limitazioni agli spostamenti imposte dalle misure per contenere l’emergenza pandemica causata dal Covid che hanno reso ancora più agevole per i cinghiali proliferare e scorrazzare con danni ingenti a carico dei nostri agricoltori”, dichiara Fabrizio Filippi, presidente di Coldiretti Toscana.

    “Occorre un impegno forte e condiviso di tutte le parti coinvolte – esorta Filippi – per trovare una soluzione definitiva al problema, continuando nello sforzo che stiamo portando avanti con l’assessorato, anche autorizzando le battute perse nel lockdown nel prossimo febbraio, con un’assunzione di responsabilità di tutto il sistema senza che prevalgano interessi di parte”.

    “L’agricoltura in Toscana non si è mai fermata – rivendica Coldiretti – garantendo l’approvvigionamento alla famiglie toscane grazie al lavoro di oltre 40mila aziende agricole e stalle, di 2mila imprese di lavorazione alimentare e una capillare rete di distribuzione tra negozi, supermercati, discount e mercati contadini di Campagna Amica, nonostante le preoccupazioni per la sicurezza, i vincoli, le difficoltà economiche e gli ostacoli oggettivi”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...