spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 10 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Arriva la cassa integrazione. Confartigianato Firenze: “Bene, ma in ritardo. Prorogare subito le misure”

    Si tratta dello sblocco dei fondi FSBA, la cassa integrazione artigiana che a Firenze coinvolge 5.000 imprese e 22mila dipendenti fino ad oggi in attesa

    FIRENZE – “Soddisfatto, ma siamo in ritardo ed è necessario prorogare ulteriormente la cassa integrazione”.

    Così Jacopo Ferretti, segretario generale di Confartigianato Firenze, commenta la notizia dello sblocco dei fondi FSBA, la cassa integrazione artigiana che a Firenze coinvolge 5.000 imprese e 22mila dipendenti fino ad oggi in attesa.

    “Stiamo parlando dei pagamenti di aprile – aggiunge – quindi speriamo che seguano velocemente quelli arretrati”.

    “Ci auguriamo – riprende – come è stato preannunciato, un blocco dei licenziamenti e la proroga della cassa integrazione fino a fine anno”.

    “Sarebbe necessario – auspica Ferretti – per dare respiro alle tante imprese artigiane che vivono una crisi senza precedenti”

    La ripresa è, dice, “lenta e leggera, ancora siamo lontani dalla fine di questa situazione e molte aziende hanno anticipato l’indennità ai lavoratori per non lasciarli senza entrate”.

    “Abbiamo bisogno di risorse e di interventi urgenti – conclude – per superare questa emergenza economica che sta letteralmente stravolgendo il mondo dell’imprenditoria”

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...