spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 26 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Aumento prezzi: ecco dove il pane costa di più in Toscana. L’analisi sulle province da parte di Coldiretti

    L'associazione analizza i dati dell'Osservatorio sui prezzi: per il pane le famiglie toscane spendono complessivamente 400 milioni all'anno

    FIRENZE – Il pane in tavola è sempre più un lusso per i toscani ma i prezzi, a settembre, mostrano i primi segnali di rallentamento dopo aver toccato livelli record a luglio.

    L’inflazione e le speculazioni dal campo alla tavola fanno aumentare di dieci volte il prezzo finale con il risultato che acquistare un chilo di pane fresco con farina di grano a costa nella provincia di Firenze il 23% in più rispetto all’inizio dell’anno.

    Firenze detiene anche il primato della pagnotta più cara: 8 euro al chilo, anche il doppio rispetto ad altre province.

    E’ questo il prezzo massimo registrato nel mese di settembre. A dirlo è un’analisi di Coldiretti Toscana sulla base dei prezzi dell’Osservatorio del Mise.

    “Dal grano al pane i prezzi aumentano più di dieci volte a causa dei rincari record di energia, mangimi e fertilizzanti scatenati dalla guerra in Ucraina e delle distorsioni all’interno delle filiere che impoveriscono le tasche dei cittadini e danneggiano gli agricoltori” spiega il presidente di Coldiretti Toscana, Fabrizio Filippi.

    “Oggi – prosegue – un chilo di grano viene pagato agli agricoltori intorno ai 36 centesimi e serve per produrre un chilo di pane che viene venduto ai consumatori a prezzi  medi variabili che possono oscillare nella nostra regione tra i 2,69 euro di Siena ai 3,7 euro di Firenze”.

    “L’incidenza del costo del grano sul prezzo del pane resta dunque marginale – puntualizza Filippi – pari a circa il 10% in media. Peraltro i prezzi al consumo non sono mai calati negli ultimi anni nonostante la forte variabilità delle quotazioni internazionali del grano, spesso al di sotto dei costi di produzione”.

    Ogni famiglia toscana spende al mese circa 20 euro per portare il pane in tavola per una spesa complessiva di circa 400 milioni all’anno.

    Firenze si conferma la provincia dove il pane costa di più, prendendo come riferimento il prezzo medio, 3,7 euro al chilo rispetto al mese di luglio seguita da Livorno con 3,5 euro al chilo e Grosseto con 2,99, Lucca con 2,91 euro, Arezzo 2,86 euro, Pistoia 2,74 euro e Siena 2,69 euro.

    Secondo l’analisi di Coldiretti sulla base dei dati dell’Osservatorio del Mise tra luglio e settembre i prezzi del pane fresco con farina di grano sono aumentati a Grosseto (+6%), Livorno (+6%), Firenze (+5%) e Siena (+0,3%) ma sono calati ad Arezzo (-6%), Pistoia (-3%) e Lucca dove sono rimasti stabili. La rincorsa dei prezzi, almeno così pare, mostra i primi segnali di frenata.

    Considerazione diversa invece se prendiamo come riferimento il periodo gennaio-settembre con aumenti in tutte le province ed anche in doppia cifra per Firenze (+23%), Grosseto (+17%) e Livorno (+10%).

    La colpa di questa turbolenza dei prezzi che impatta sulle tasche dei toscani che spenderanno 650 euro in più per mangiare durante l’arco dell’anno è da attribuire agli effetti della guerra “che ha moltiplicato – sottolinea Coldiretti Toscana – manovre speculative e pratiche sleali sui prodotti alimentari, che vanno dai tentativi di ridurre la qualità dei prodotti offerti sugli scaffali alle etichette ingannevoli fino al taglio dei compensi riconosciuti agli agricoltori, aggravando una situazione che vede il nostro Paese dipendente dalle importazioni straniere già per il 64% del grano tenero che serve per pane, biscotti, dolci”.

    “Occorre ridurre la dipendenza dall’estero e lavorare da subito per accordi di filiera tra imprese agricole ed industriali con precisi obiettivi qualitativi e quantitativi e prezzi equi che non scendano mai sotto i costi di produzione come prevede la nuova legge di contrasto alle pratiche sleali” incalza il presidente di Coldiretti Toscana.

    “Serve inoltre anche investire per aumentare produzione e le rese dei terreni – conclude – con bacini di accumulo delle acque piovane per combattere la siccità, contrastare seriamente l’invasione della fauna selvatica che sta costringendo in molte zone interne all’abbandono nei terreni e sostenere la ricerca pubblica con l’innovazione tecnologica a supporto delle produzioni, della tutela della biodiversità e come strumento di risposta ai cambiamenti climatici”.

    I PREZZI DEL PANE IN TOSCANA

    Provincia

    Prezzi al chilo 

    a settembre

    Prezzo Massimo al chilo

    Arezzo

    2,86

    4

    Firenze

    3,7

    8

    Grosseto

    2,99

    4,6

    Livorno

    3,5

    4,7

    Lucca

    2,91

    3,15

    Pistoia

    2,74

    3,6

    Siena

    2,69

    4,65

    Elaborazione Coldiretti dei dati Osservatorio Prezzi del Mise

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua