spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bus in avaria sull’Autopalio: studenti messi al sicuro dalla Polstrada

    Un problema al motore lo ha stoppato in un punto molto pericoloso: a bordo c'erano 50 ragazzi georgiani

    FIRENZE-SIENA – La polizia stradale di Firenze ha soccorso sull’Autopalio un bus con a bordo un gruppo di 50 studenti della Georgia, che si è dovuto fermare a causa di un’avaria al motore.

     

    E’ accaduto stamani, venerdì 8 marzo, quando poco prima dello svincolo di Colle Val d’Elsa Sud il mezzo ha iniziato a perdere colpi, arrestando la sua corsa sulla corsia di decelerazione, in un punto di notevole pericolo per la circolazione.

     

    Gli studenti, che frequentano le superiori a Tbilisi ed erano diretti a Siena dopo un breve soggiorno a Firenze, si sono impauriti e qualcuno ha dato l’allarme al Centro Operativo Polstrada della Toscana.

     

    In un batter d’occhio è giunta sul posto una pattuglia della sezione di Firenze e i poliziotti, con l’ausilio delle bandierine rosse di pericolo e del display luminoso in dotazione alla loro auto, hanno segnalato quel grosso ostacolo in modo da evitare ulteriori rischi.

     

    Non solo al bus degli studenti, ma anche ai conducenti degli altri veicoli in arrivo. Un meccanico, arrivato con un mezzo attrezzato, ha cercato di riparare il guasto, ma è riuscito solo a consentire al bus di percorrere qualche centinaio di metri, giusto il necessario per togliersi dalla Palio e spostarsi in un’area esterna più sicura.

     

    L’avaria meccanica è risultata più seria del previsto e, a quel punto, ai ragazzi non è rimasto altro che proseguire per Siena a bordo di un altro pullman.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...