spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 13 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Capriolo ferito in A1: la Polistrada ferma il traffico per salvargli la vita

    E' successo nella notte appena trascorsa fra le uscite di Firenze Impruneta e Firenze Sud (direzione nord)

    FIRENZE – Nella notte appena trascorsa la Polizia Stradale di Firenze ha soccorso una femmina di capriolo che giaceva ferita tra i due guard-rail che separano le carreggiate dell’A/1, poco dopo l’uscita di Firenze Sud, in direzione di Impruneta.

     

    L’animale era spaventato poiché non si vedeva niente per il buio pesto e tutti quei mezzi che gli passavano accanto, tra Tir e auto, facevano un fracasso indescrivibile.

     

    L’allarme è giunto alla Centrale Operativa poco prima dell’alba, quando gli addetti alla manutenzione autostradale hanno notato il capriolo disteso sul selciato.

     

    Per soccorrerlo sono state inviate due pattuglie della sottosezione di Firenze Nord che hanno subito compreso la gravità della situazione (pericolosa per l'animale, ma anche e soprattutto per i mezzi in transito), anche per la scarsa visibilità dovuta sia alla notte che alla presenza di una serie di curve.

     

    I poliziotti, ormai esperti in questo tipo di interventi, non si sono persi d’animo, tant’è che una pattuglia si è posizionata in un punto dove ha potuto segnalare ai veicoli in arrivo di rallentare, fino a fermare completamente il traffico.

     

    Il tutto è durato pochi minuti, giusto il tempo necessario a permettere agli altri due agenti di scavalcare il guard-rail e, con cautela, sollevare il capriolo e portarlo ai bordi della strada.

     

    Lì è stato rifocillato e coccolato, tant’è che si è messo tranquillo ad aspettare con i suoi soccorritori l’arrivo del veterinario dell’Asl di Firenze.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...