spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Carabinieri forestali, in provincia di Siena controlli serrati sui tagli boschivi: oltre 350mila euro di sanzioni

    Nei primi 10 mesi del 2022 svolti oltre 500 controlli in tutti i comuni della provincia senese: 25 le persone deferite all'autorità giudiziaria

    SIENA – Nei primi dieci mesi del 2022 i carabinieri forestali della provincia di Siena hanno svolto oltre cinquecento controlli sulla conformità degli interventi di taglio boschivo e relativa tracciabilità del legname nella filiera foresta-legno.

    L’esito è stato il seguente: sono state elevate 319 sanzioni amministrative a carico di altrettanti soggetti, per un importo notificato pari a 353.523 euro.

    Sono stati, inoltre, accertati 19 illeciti di rilevanza penale, che hanno comportato il deferimento all’autorità giudiziria di 25 persone.

    I controlli, svolti sia d’iniziativa che a seguito di segnalazioni di cittadini ed associazioni ambientaliste, hanno avuto ad oggetto cantieri forestali stabiliti in tutto il territorio provinciale, con particolare riferimento alle zone a maggior pregio naturalistico.

    CVome le aree protette provinciali, i siti Natura 2000 (SIC/ZPS), i territori sottoposti a vincolo paesaggistico e le aree appartenenti al demanio idrico.

    L’attuale situazione socio-economica dovuta alla crisi energetica cagionata dal conflitto russo-ucraino ha comportato, nell’ultimo anno, un notevole incremento del prezzo al dettaglio del legname e suoi derivati da destinare ad uso energetico (legna da ardere, cippato, pellet).

    Tale congiuntura ha determinato crescenti interessi economici nello sfruttamento delle risorse forestali, con conseguente emersione di fenomeni più o meno diffusi di illegalità.

    Pertanto l’attività di controllo dei carabinieri forestali della provincia di Siena proseguirà anche nei prossimi mesi, in linea con le disposizioni nazionali del Comando generale dell’Arma.

    Al fine di verificare non solo la corretta esecuzione dei tagli boschivi e la legalità del legname posto in commercio, ma anche altri aspetti attinenti al contrasto del lavoro nero, del caporalato e della sicurezza sui luoghi di lavoro. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua