spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ungulati, Fedagripesca Confcooperative Toscana: “Troppi danni per agricoltura, recinzioni necessarie”

    Il vicepresidente Ritano Baragli: "Non mi piacciono ma non possiamo farne a meno. La gente non denuncia più, i rimborsi non arrivano"

    TOSCANA – “Ho sempre detto che le recinzioni non mi piacciono ma la verità è che adesso non possiamo più farne a meno. C’è una invasione di animali – come caprioli e cinghiali – che stanno portando danni enormi”.

    A dirlo è il vicepresidente di Fedagripesca Confcooperative Toscana, Ritano Baragli.

    “Le aziende sono in difficoltà – precisa – c’è chi è costretto a tagliare, chi addirittura chiude. Se una recinzione limita i danni, allora usiamola”.

    “Anche perché – puntualizza – la gente non denuncia più, c’è una sfiducia dettata dal fatto che i rimborsi in pratica non ci sono”.

    “Ormai le recinzioni sono necessarie, è inutile che qualche gruppo si voglia per forza mettere di traverso” aggiunge.

    “Faccio un esempio – prosegue Baragli – nel Chianti Classico il vino sfuso è quotato sui 300-350 euro a ettolitro, pensate cosa può accedere quando caprioli e cinghiali riescono a mangiare anche solo 10 quintali di uva”.

    “Diventa un danno economico immenso – sottolinea – Quindi bisogna cercare di usare tutti i metodi per limitare questi animali”.

    “A preoccuparmi in questa fase sono soprattutto i caprioli, sono capaci di creare grandi problemi – dice ancora Baragli – Il settore è già in difficoltà, se non ci sono le giuste precauzioni la situazione rischia di degenerare”.

    “Poi – conclude – sono d’accordo con chi dice che le recinzioni vanno fatte bene, in modo da non deturpare il paesaggio: so che ci vuole il giusto equilibrio e il rispetto dell’ambiente. Al tempo stesso serve però il rispetto di chi lavora in queste aree”.

    Ritano Baragli

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...