spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Edilizia, Confartigianato Firenze: “Prezzi delle materie prime aumentati. Servono interventi”

    "Capire perché questi materiali non sono più reperibili. E chiediamo al Governo ammortizzatori non solo per gli appalti pubblici, ma anche per quelli privati"

    FIRENZE – “I prezzi dei materiali sono aumentati, dal 30-35% fino a punte del 200%. C’è una carenza di materie prime, dal legno, al materiale isolante che è introvabile, ai manufatti edili: non necessariamente tale carenza si giustifica col fatto che le aziende si sono fermate nella produzione a causa della pandemia. Vorremmo capire perché questi materiali non sono più reperibili. E chiediamo al Governo ammortizzatori non solo per gli appalti pubblici, ma anche per quelli privati”.

    È la presa di posizione di Jacopo Ferretti, segretario generale di Confartigianato Imprese Firenze, che chiede chiarezza sull’aumento dei prezzi delle materie prime e agevolazioni.

    “Il Ministero – ha aggiunto Ferretti – ha capito il problema e ha deciso che entro il 31 ottobre indicherà le variazioni superiori all’8% sugli appalti pubblici. Questa indicazione permetterà al direttore lavori dell’appalto del suolo pubblico di presentare una istanza di compensazione facendo presente che il materiale col quale è stata vinta la gara di appalto è rincarato e pertanto chiederà l’aumento della gara di appalto”.

    “Per questo il Governo – ha proseguito – si è dotato di un fondo da 100 milioni di euro, per il 2021, per compensare questi prezzi. Noi però chiediamo il perché c’è stato questo aumento e riteniamo che andrebbero trovati ammortizzatori anche sugli appalti privati, per contenere i prezzi”.

    Serve poi “prorogare il bonus del 110% o delle agevolazioni fiscali. La proroga è necessaria perché, in base alla mancanza dei decreti attuativi, tutti i lavori sono iniziati un anno dopo e quindi questo beneficio deve decadere un anno dopo”.

    Ferretti ha sottolineato che “l’aumento dei prezzi dell’edilizia sta causando notevoli preoccupazioni e ritardi: ad esempio il legno è aumentato del 40%”.

    “Il privato che si è trovato un preventivo con una cifra stabilita pre Covid – ha concluso – adesso si trova lo stesso preventivo raddoppiato e quindi potrebbe anche non fare più il lavoro”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...