spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 18 Ottobre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ieri 15esimo anniversario della scomparsa di Oriana Fallaci: “Firenze si riconcilia idealmente”

    Cerimonia al Cimitero degli Allori col sindaco Nardella, il presidente del Consiglio comunale Milani, l’assessore Martini ed il presidente della Commissione cultura del Senato Nencini

    FIRENZE – Alla presenza del sindaco di Firenze Dario Nardella, del presidente del consiglio comunale Luca Milani, dell’assessore alla cultura della memoria Alessandro Martini e del presidente della Commissione cultura del Senato, senatore Riccardo Nencini, si è svolta ieri presso il cimitero degli Allori una cerimonia di commemorazione per il 15° anniversario dalla scomparsa di Oriana Fallaci.

    Era presente anche Francesca Paoletti, presidente del cimitero evangelico degli Allori.

    Fallaci che, lo ricordiamo, era donna del mondo ma considerava la sua vera casa Greve in Chianti.

    “Voglio ringraziare il presidente del consiglio comunale e tutto il consiglio perché con questo gesto commemorativo Firenze paga un debito di riconoscenza verso Oriana Fallaci” ha detto il sindaco Dario Nardella.

    “È stata una donna libera – ha proseguito – e questo è l’unico termine col quale si può caratterizzare la sua esistenza, e la sua complessa opera. Le persone libere non possono essere incasellate in posizioni ideologiche o strumentali, ma vanno rispettate e ricordate”.

    “Questo il senso della cerimonia – ha spiegato – un gesto di riconoscenza e di legame tra Oriana Fallaci e la città, così come fu l’intitolazione, presso la Fortezza Da Basso, di un Largo a suo nome. Se vogliamo ricordare Oriana Fallaci la dobbiamo leggere: dalla prima all’ultima opera, solo così capiremo la caratura di una donna intellettuale e libera”.

    “Un appuntamento promosso dalla presidenza del consiglio comunale – ha sottolineato il presidente del consiglio comunale Luca Milani – che aveva come scopo quello di riconciliare Firenze con Oriana Fallaci. Una concittadina che ha sempre avuto un legame ed un amore speciale per la città”.

    “Ha sempre avuto – ha rimarcato – un grande coraggio nell’esprimere le proprie opinioni  senza la necessità di stare da una parte o dall’altra perché, come ci ha insegnato Oriana Fallaci, il mondo è complesso e le risposte che possiamo dare sono complesse e quelle di oggi possono essere diverse da quelle che abbiamo dato fino a ieri”.

    “Oriana Fallaci – ha concluso – deve essere riletta e mi auguro che con oggi si possa mettere un ‘punto e a capo’ nel rapporto tra Oriana Fallaci e la città di Firenze”.

    “È una giornata storica perché la città di Firenze – ha fatto eco il vice presidente del consiglio comunale Emanuele Cocollini – il suo sindaco ed il sonsiglio comunale si riconciliano, finalmente, con Oriana Fallaci. È stato giustamente ricordato che Oriana Fallaci era una donna libera  e non può essere prestata a facili strumentalizzazioni, da nessuna parte”.

    “Al di là delle parole di ricordo nei confronti dell’illustre nostra concittadina – ha concluso – la portata storica di questa commemorazione è che Firenze si riconcilia idealmente con Oriana e questa è davvero una bella notizia”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...