spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ospedale Campostaggia, attivato l’ambulatorio di endocrinologia pediatrica e auxologia

    Dedicato allo studio e alla cura della crescita fisica della persona nell'età evolutiva. È il pediatra che prescrive l'accesso al servizio

    POGGIBONSI – Dallo scorso 30 marzo all’ospedale di Campostaggia, a Poggibonsi, è aperto un ambulatorio di endocrinologia pediatrica e auxologia.

    Dedicato allo studio e alla cura della crescita fisica della persona nell’età evolutiva, in particolare si occupa della presa in carico diagnostica e terapeutica e del follow-up dei bambini che presentano problemi endocrinologici, della crescita e dello sviluppo come bassa statura, pubertà precoce e problemi tiroidei.

    Gli spazi dedicati alla nuova attività hanno trovato collocazione al Piano 1 del poliambulatorio ospedaliero.

    L’accesso può avvenire tramite richiesta diretta dei pediatri di libera scelta in contatto con gli specialisti. Non è necessario, quindi, ricorrere ad appuntamenti attraverso il Cup.

    Il servizio è gestito dalle dottoresse Francesca Macucci, responsabile dell’endocrinologia pediatrica e auxologia dell’ospedale di Nottola, e Giulia Squarci, dirigente medico di primo livello della UOC di Pediatria e Neonatologia del presidio valdelsano.

    L’attività dell’ambulatorio aggiunge, grazie a una proficua collaborazione tra ospedale e territorio, un tassello all’offerta dei servizi già presenti in area pediatrica per la popolazione della Val d’Elsa.

    Non solo, si propone anche come modello di collaborazione tra ospedali dell’Area vasta sud est.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...