spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Rientro a scuola senza più certificato medico, la legge pronta ad essere pubblicata sul BURT regionale

    Dopo quindici giorni dalla pubblicazione sul Bollettino ufficiale, che avverrà a stretto giro, entrerà ufficialmente in vigore

    FIRENZE – La nuova norma sui certificati medici per il rientro a scuola, non più necessari neppure dopo cinque giorni di assenza continuativa, a breve sarà pienamente operativa in Toscana.

    Il presidente della Regione Eugenio Giani ha promulgato infatti oggi la legge, approvata all’unanimità dal consiglio su proposta della giunta a febbraio.

    Dopo quindici giorni dalla pubblicazione sul Bollettino ufficiale (BURT), che avverrà a stretto giro, la legge entrerà in vigore.

    “Si tratta di una norma che semplificherà la vita alle famiglie,  ma che non crea rischi per la salute pubblica e in classe degli studenti malati” commenta il presidente Giani.

    “Gli interventi di profilassi necessari – precisa -in caso di epidemie o malattie diffusive e pericolse, saranno infatti messi in atto indipendentemente dal certificato medico”.

    Del  resto, spiegano gli stessi medici,  la maggior parte delle malattie infettive si trasmettono già dal periodo di incubazione e, più raramente, durante la convalescenza.

    Ed è sulla base di questi studi e pareri della comunità scientifica che la giunta ha deciso di proporre l’abolizione del certificato. Anche il mondo della scuola si è espresso favorevolmente.

    Il certificato medico per la riammissione a scuola era già stato cancellato in undici regioni e province autonome: Lombardia, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Provincia di Trento, Provincia di Bolzano, Emilia-Romagna, Umbria, Marche, Lazio e Veneto.  La materia rientra nella competenza legislativa concorrente delle Regioni.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...