spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sinistra Civica Ecologista: “Le condizioni attuali di A1 e Autopalio non sono accettabili”

    "Chiediamo a tutti i soggetti istituzionali, sociali e rappresentativi del territorio di adoperarsi per chiedere interventi che modifichino la situazione attuale. Noi interesseremo il ministro"

    FIRENZE-SIENA – “Il Chianti, la Città Metropolitana di Firenze, la Provincia di Siena, la Toscana intera, non possono accettare la condizione in cui versano in questo momento due infrastrutture strategiche per il territorio regionale, nel caso della Firenze-Siena o addirittura nazionale come l’A1”.

    Lo dice Sinistra Civica Ecologista, con il suo coordinamento Chianti Fiorentino, e con il coordinamento provinciale Siena.

    “L’Autopalio – spiega SCE – è di fatto un cantiere continuo, che in realtà si trasforma in una sola corsia ma con continui restringimenti e scambi di carreggiata”.

    “Di alcuni di questi – rimarca – non si capisce neanche la reale utilità ed oltre ad ostacolare il regolare deflusso del traffico rendono questa strada estremamente pericolosa”.

    “Il cantiere che interessa il tratto dell’Autostrada del Sole in corrispondenza dell’innesto della Fi-Si – prosegue – e che ha causato di fatto la chiusura dello svincolo di Firenze Impruneta (se si fa eccezione per l’ingresso in direzione sud) è un disagio fortissimo per migliaia di pendolari, lavoratori, aziende”.

    “E un settore del turismo già in gravissima difficoltà – viene messo in evidenza – oltre a chi ha la necessità di raggiungere un importante polo ospedaliero come l’ospedale Santa Maria Annunziata a Ponte a Niccheri. Senza dimenticare le code per i lavori in Fi-Pi-Li su cui si riverserà inevitabilmente una parte del traffico veicolare”.

    Come coordinamento di Sinistra Civica Ecologista del Chianti Fiorentino e provinciale di Siena “accogliamo favorevolmente tutti gli interventi manutentivi ed i lavori sulle infrastrutture del nostro territorio purchè siano tempestivi, realizzati nel rispetto delle norme a tutela dei lavoratori e coordinati in modo da creare il minor disagio e pericolo possibile”.

    “Chiediamo a tutti i soggetti istituzionali, sociali e rappresentativi del territorio di adoperarsi per chiedere interventi che modifichino la situazione attuale – conclude SCE – Per parte nostra invieremo una specifica comunicazione anche al Ministro delle Infrastrutture Giovannini perché le code e i disagi verificatisi in questi primi giorni di cantiere sull’A1 sono una questione di interesse nazionale e non osiamo pensare quello che potrebbe accadere tra poche settimane in corrispondenza dell’esodo verso il Sud Italia e dei fine settimana da bollino rosso”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...