spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Spettacolo, in Toscana in arrivo un nuovo bando ristori da 2,5 milioni di euro

    Si rivolgerà a tutti i lavoratori dello spettacolo, con l’obiettivo di raggiungere anche gli operatori che non sono riusciti ad accedere ai precedenti bandi

    FIRENZE – Il 12 settembre, sul portale Sviluppo Toscana verrà pubblicato un nuovo “bando ristori” emanato dalla Regione Toscana per dare sostegno al settore dello spettacolo, pesantemente colpito dalla pandemia.

    Il nuovo bando, dal valore di 2,5 milioni di euro, si rivolgerà a tutti i lavoratori dello spettacolo, con l’obiettivo di raggiungere anche gli operatori che non sono riusciti ad accedere ai precedenti bandi.

    In particolare sono indicati come beneficiari le imprese, le associazioni culturali senza scopo di lucro, le istituzioni, gli enti del terzo settore attivi nei settori dello spettacolo dal vivo, i gestori privati di sale cinematografiche ed i lavoratori dello spettacolo.

    Il presidente della Regione Toscana spiega che questo è il terzo bando emesso dall’amministrazione regionale per sostenere il mondo dello spettacolo ed i suoi lavoratori. Il primo bando è uscito già nel 2020, rivolto alle imprese, e l’altro, emanato dal consiglio regionale e rivolto ai lavoratori autonomi, è stato pubblicato nel 2021.

    Il bando 2022, da 2,5 milioni, si rivolge all’intero settore mettendo a disposizione risorse superiori alla somma dei due precedenti, rispettivamente da 900.000 euro e da 1 milione di euro.

    Le domande di contributo a fondo perduto potranno essere presentate on line dalle ore 9 di lunedì 12 settembre.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...