spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tpl in Metrocittà Firenze: estensione delle agevolazioni a tutto il territorio metropolitano

    Francesco Casini: "Finalmente potremmo disporre di un po' più di risorse per il settore strategico dei trasporti pubblici"

    FIRENZE – Su proposta di tutti i gruppi consiliari del consiglio metropolitano di Firenze (Pd, Iv, Territori Beni comuni, Centrodestra per il cambiamento) è stata approntata ed approvata una mozione sul Trasporto pubblico locale nel territorio metropolitano.

    Si prende spunto dal lancio dell’iniziativa “Firenze TPL+”, che da settembre garantirà agevolazioni sui trasporti pubblici agli studenti residenti nel solo comune di Firenze, e dal progetto “Unico Metropolitano” che diventato “Pegaso Area Metropolitana” per volontà della Regione Toscana si è adesso stabilizzato e strutturato per almeno 3 anni come richiesto dal consiglio metropolitano di Firenze.

    Con questa mozione dunque il consiglio impegna il sindaco metropolitano a promuovere modelli analoghi a “Pegaso metropolitano Firenze” e  “Firenze TPL+” anche per i territori extraurbani e urbani esclusi finora da entrambi o anche da uno solo di questi due progetti.

     “Firenze TPL +” è finanziato con fondi del Programma operativo nazionale PON Metro React assegnati al Comune capofila di Firenze oltre che dalla Regione, “Pegaso Metropolitano” è finanziato, oltre che dalla Regione, da Metrocittà e dalle amministrazioni locali.

    Da considerare l’impegno finanziario per il Tpl sostenuto direttamente dai Comuni dell’area urbana (Firenze e tutto l’hinterland)  che supera i 13 milioni e 350mila euro. Motivo per cui, oltre ai minori costi da sostenere per via del minor chilometraggio dei tragitti, i primi progetti sperimentali sono partiti dall’area urbana.

    Adesso stabilizzate le sperimentazioni e visto l’apprezzamento di cittadini e utenti a questi due progetti di integrazione tariffaria, si ritiene necessario promuovere iniziative similari anche sul territorio metropolitano.

    Servirà l’ok e il sostegno di Regione Toscana ma laddove questo non fosse possibile, la richiesta del consiglio metropolitano è che comunque già dalle prossime variazioni di bilancio, in relazione alle disponibilità finanziarie dell’ente e in collaborazione con i Comuni interessati, queste ulteriori agevolazioni o contribuzioni dirette sulle tariffe del Tpl possano comunque per quanto possibile essere attivate a beneficio dei territori e dei cittadini esclusi fino ad oggi da queste due agevolazioni.

    Questo anche perché tutti i titoli di viaggio (singoli, abbonamenti e Pegaso – titoli urbani e extraurbani) hanno peraltro subìto proprio recentemente un aumento di costo, sulla base delle indicizzazioni Istat e sulla base del contratto di servizio sottoscritto tra Regione Toscana e il nuovo gestore AT. Aumenti che non sono stati però accompagnati da un potenziamento dei servizi. Da qui dunque la proposta del consiglio metropolitano.

    Con questo impegno del consiglio a stanziare più risorse potrà crescere l’investimento metropolitano sul Tpl, oggi affidato non più direttamente al controllo territoriale ma al gestore unico regionale Autolinee Toscane.

    “Il tema del Tpl è molto importante e proprio per questo vanno puntualizzati aspetti non marginali”, ha commentato in consiglio metropolitano il sindaco Dario Nardella.

    “Innanzitutto – ha elencato – il sistema di gestione è cambiato ed è stato accentrato a livello regionale, scelta che a suo tempo non ho condiviso, dal momento che in questo modo è difficile tenere conto di standard diversi tra le diverse aree”.

    Le risorse investite dagli enti locali hanno finalità precise e “non possiamo sopperire a deficit del gestore del servizio – ha proseguito – Lo sforzo che noi facciamo deve essere un valore aggiunto. Quando sento l’azienda che dice che c’è un problema di traffico, cantieri e incidenti, mi viene da chiedere se pensavano di partecipare alla gara per gestire il servizio in un deserto”.

    “Il settore trasporti e mobilità della Metrocittà in questi anni – dichiara il consigliere delegato alla mobilità, Francesco Casini, sindaco di Bagno a Ripoli – senza risorse aggiuntive ha fatto un lavoro straordinario per non tagliare i servizi, ma anzi aggiungendone di nuovi nel cosiddetto “lotto debole”, come i servizi a circolare in Mugello, Valdarno, Chianti ed Empolese, creando nuovi progetti che stanno ottenendo finanziamenti  per sperimentazioni tariffarie come ad esempio “Unico Metropolitano” avviato nell’area urbana”.

    “Ricordo – ha proseguito – gli importanti finanziamenti ministeriali ricevuti che permetteranno di acquistare 4 nuovi bus elettrici per il territorio metropolitano. Stiamo lottando ogni giorno affinché la gestione regionale del Tpl migliori”.

    “Finalmente – ha aggiunto – con l’impegno di tutto il consiglio metropolitano ci sarà la possibilità di disporre di più risorse, non ancora sufficienti per dare una risposta incisiva e complessiva, ma certo che possono permettere di fare un altro passo in avanti e avviare progetti di agevolazioni tariffarie su tutti i Comuni. Obiettivo su cui lavoriamo da almeno due anni ma che non poteva partire per assenza totale di risorse destinate al settore”.

    “Queste nuove iniziative – ha concluso – quantomeno aiuteranno a calmierare gli ultimi aumenti tariffari subiti e a costruire una nuova cultura del trasporto pubblico locale che oltre all’efficientamento dei mezzi e del servizio passa anche dalle agevolazioni in tariffa”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...