spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Truffe on-line”: continua l’attività di contrasto della polizia di Stato al fenomeno

    A seguito di varie segnalazioni, ha effettuato un’accurata attività di indagine nei confronti di una piattaforma e-commerce che metteva in vendita prodotti parafarmaceutici

    FIRENZE – Il Compartimento polizia Postale e delle Comunicazioni per la Toscana è impegnato quotidianamente nel contrasto alle truffe on-line.

    In particolare, a seguito di varie segnalazioni, ha effettuato un’accurata attività di indagine nei confronti di una piattaforma e-commerce che metteva in vendita, mediante il proprio sito web, prodotti parafarmaceutici che, nei casi segnalati, non avrebbe mai inviato agli utenti.

    Gli accertamenti hanno permesso di appurare che questa attività e-commerce era guidata da una donna di 56 anni, residente a Firenze, riconducibile alla registrazione del sito web – oggi non più raggiungibile – e al conto corrente bancario collegato.

    Sulla base di quanto emerso l’attività, per conquistare la fiducia degli utenti, oltre ad una ben organizzata vetrina virtuale avrebbe indicato, quale propria sede legale, un indirizzo del centro di Firenze, nei pressi di una farmacia che, nel corso degli ultimi mesi, si è vista tempestare di proteste dalle persone che invano attendevano l’arrivo dei prodotti ordinati.

    Consigli della polizia Postale

    – Verificare tramite motore di ricerca l’esistenza di segnalazioni da parte di altri utenti riguardanti il venditore;

    – Preferire pagamenti mediante bonifico bancario, più sicuro poiché si ha traccia di tutta la transazione;

    – Porre attenzione ai feedback assegnati al venditore;

    – Valutare la possibilità di pagamento con modalità di contrassegno;

    – Diffidare di siti che vendono prodotti a prezzi estremamente vantaggiosi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...