spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 10 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vicini di casa litigano da tempo. Intervengono i carabinieri e trovano cinque piante di canapa indiana

    Nella campagna intorno a Siena. In realtà il "coltivatore" era un terzo vicino di casa. Piante sradicate e portate ai laboratori. E segnalazione all'autorità giudiziaria

    SIENA – Ogni regola ha le sue eccezioni che spesso la confermano.

    Così, se è e vero che fra i due litiganti il terzo gode, potrebbe anche essere che il verbo “godere” debba essere sostituito da un altro. Molto meno positivo.

    Insomma le conseguenze di problemi che riguardano due parti potrebbero ricadere su terzi, in diversi modi.

    È accaduto nella campagna intorno a Siena, in uno splendido casale ristrutturato e suddiviso in tre unità abitative.

    Come spesso succede nei condomini, qualcuno litiga. Due famiglie hanno dei dissidi dei quali forse non ricordano ormai esattamente le origini. E che si rinnovano per disparati motivi.

    Sembra anche che nell’ultima occasione qualcuno abbia alzato le mani o ci sia andato vicino.

    Fatto sta che nessuno ha ancora querelato. E, per il reato di percosse, occorre la richiesta di procedere rivolta, tramite carabinieri, all’autorità giudiziaria.

    Però qualcuno una gazzella dell’Arma l’ha chiamata, tramite 112. Giunti i militari sul posto, alle rimostranze di una parte si rivolgevano all’altra riportandone le contestazioni, giusto per sentire anche l’altra campana.

    I “rintocchi” di questa suonavano però perentori, perché la contro-contestazione risultava assai più pregnante e significativa della prima richiesta d’intervento rivolta ai militari.

    “Proprio loro chiamano i carabinieri, loro che coltivano la canapa indiana nell’orto!”.

    A questo punto i militari, recatisi nell’orto, rinvenivano cinque lussureggianti piante di marijuana, delle quali però, coloro che li avevano chiamati negavano la paternità.

    “Quell’orto non è nostro e la cosa non ci riguarda!”.

    In effetti il “coltivatore” più o meno diretto di quelle piante risultava infine essere, per sua esplicita ammissione, il condomino che non litiga mai. E che ne farebbe uso.

    Forse questo ha influito in passato sulla propria tolleranza.

    Le piante sono state inesorabilmente sradicate e sequestrate per le successive analisi. Il tutto è stato riferito all’autorità giudiziaria.

    Non si può ora pronosticare se, per tutti questi motivi, a litigare saranno tre famiglie e non più due.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...