spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’insetto sta mettendo a repentaglio uno di prodotti eccezionali del territorio grevigiano

    LUCOLENA (GREVE IN CHIANTI) – Un minuscolo animaletto può causare gravi danni. E' quanto sta facendo il cosiddetto cinipide del castagno (Dryocosmus kuriphilus), un insetto originario della Cina che si è diffuso negli ultimi anni anche in Italia e che colpisce l'albero del castagno.

     

    L'insetto depone le uova nelle gemme del castagno, creando vistose galle tondeggianti sui germogli e sulle foglie, che da un iniziale colore verde chiaro diventano rossastre. La presenza del cipinide produce perdite rilevanti per quanto riguarda la produzione dei frutti e anche per l'accrescimento dell'albero, che ne risulta fortemente compromesso.

     

    "Nel nostro territorio – dichiara l'assessore all'ambiente Simona Forzoni – il cipinide risulta particolarmente diffuso nella zona dei castagneti di Lucolena, in particolare nell'area compresa fra le località di Pescina, Montelfi e Torsoli".

     

    "Grazie alla collaborazione con i produttori delle zone interessate – prosegue – e ai numerosi incontri con l'amministrazione è stato possibile individuare con una buona approssimazione l'area interessata. E' quindi partita immediatamente la richiesta al servizio Fitosanitario Regionale di inserire questa zona fra quelle prioritarie interessate al lancio nei primi mesi del prossimo anno dell'insetto antagonista del cipinide, il Torymus sinensis".

     

    "Sappiamo che la risoluzione del problema attraverso la lotta biologica richiederà diversi anni – continua l'assessore – ma è stato già dimostrato che l'uso di sostanze chimiche non ha effetti apprezzabili contro il cipinide e che anzi può causare danni alla qualità dei frutti e alle altre specie, per cui la lotta biologica diventa obbligatoria e soprattutto l'unica ecocompatibile". 

     

    "Per evitare il diffondersi  dell'infestazione e limitare i danni – raccomanda – è bene prendere alcuni accorgimenti, come il taglio e la distruzione dei rami con galle prima dello sfarfallio degli insetti adulti. L'amministrazione grevigiana è molto preoccupata per le possibili ripercussioni economiche che un calo della produzione potrebbe avere e per questo motivo è in contatto continuo con i produttori per tutte le iniziative atte a debellare il problema". 

     

    Le segnalazioni della presenza del cipinide nel comune di Greve possono essere effettuate all'ufficio ambiente telefonando al 0558545273 o scrivendo a ambiente@comune.greve-in-chianti.fi.it.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...